9-Euro-Ticket, rivoluzione nei viaggi in Germania

COSMO italiano 25.05.2022 19:14 Min. Verfügbar bis 25.05.2023 COSMO Von Luciana Caglioti


Download Podcast

9-Euro-Ticket, rivoluzione nei viaggi in Germania

Stand: 25.05.2022, 18:00 Uhr

di Luciana Caglioti, Vincenzo Savignano e Daniela Nosari

Per tre mesi sarà possibile viaggiare in tutta la Germania con un biglietto da 9 euro al mese, sui treni regionali e su bus e tram locali. Vi spieghiamo tutto quello che c'è da sapere sul 9-Euro-Ticket, ma anche quali sono le critiche, ad esempio di Pro Bahn, e i rischi di questa misura del governo tedesco contro il carovita e a favore di una mobilità più sostenibile. Con Roberto Boni, esperto di mobilità, parliamo poi della transizione al motore elettrico nei trasporti pubblici e nelle auto private.

Reisende auf einem Bahnsteig

Un'affollata stazione dei treni in Germania

Quando e come acquistare il biglietto da 9 euro

È ora acquistabile in tutta la Germania un biglietto mensile da 9 euro per i tre mesi di giugno, luglio e agosto 2022. Acquistando il biglietto nel corso di un mese, per esempio il 10 od il 20 giugno, questo rimane valido fino alla scadenza del mese stesso. Il biglietto è acquistabile presso i distributori automatici, nelle biglietterie e tramite le app della Deutsche Bahn o delle aziende di trasporto pubblico locali. Anche i biglietti comprati in questo modo valgono su tutto il territorio federale.

Su quali mezzi è valido il 9-Euro-Ticket?

Il biglietto a 9 euro è valido in tutta la Germania sui mezzi di trasporto locali (bus, tram, S-Bahn, ecc.) e sui treni regionali, ma solo in 2a classe. Non è valido invece per i treni veloci ICE, Intercity ed Eurocity, né sui treni concorrenti della Deutsche Bahn ma che utilizzano la rete ferroviaria tedesca, come i treni Flixtrain. Non possono poi essere utilizzati sui bus a lunga percorrenza da e verso città europee od extraeuropee né sui Flixbus.

Attenzione alle regioni di confine: mentre il 9-Euro-Ticket è valido per i treni che superano il confine di Olanda, Belgio e Austria, non è valido per quelli che superano i confini di Polonia e Repubblica Ceca.

Le altre condizioni

bahnhof

Il biglietto da 9 euro

Il biglietto è strettamente nominale e non può essere trasferito ad altri. Non dà inoltre la possibilità di includere un altro passeggero, né cani o biciclette. Se si vuole portare la bici, è necessario l’apposito biglietto aggiuntivo. Nel caso di abbonamenti con restrizioni temporali, queste si annullano e l’abbonato potrà viaggiare per l’intero arco di 24h garantito dal biglietto a 9 euro. Per i bambini sotto i 6 anni non c’è bisogno del biglietto, dopo i 6 anni il prezzo è anche per loro di 9 euro al mese. Non sono previste, inoltre, ulteriori riduzioni o sconti su questi biglietti, come quelle previste sui biglietti regolari per i possessori di BahnCard. Una volta acquistato, non è possibile annullare l'acquisto o chiedere un rimborso.

Aumentano i viaggiatori, e i treni regionali

Nei tre mesi del 9-Euro-Ticket è previsto un sovraffollamento dei treni regionali, soprattutto sulle tratte turistiche nei finesettimana e nelle festività. Sono moltissime le persone che già nei primi giorni hanno acquistato il biglietto, 50mila solo nella capitale Berlino o ad Amburgo, centinaia di migliaia a Colonia e nel Nordreno-Vestfalia. Secondo Deutsche Bahn i biglietti venduti solo il primo giorno sono stati oltre 200.000. Ma le stime ad oggi parlano di un milione di biglietti venduti anche a livello locale.

Per fronteggiare questo aumento di passeggeri a partire dal primo giugno Deutsche Bahn vuole immettere su tutta la rete ferroviaria tedesca 50 nuovi treni regionali che garantiranno ca. 60.000 posti in più.

Le critiche ai biglietti superscontati

La politica ha messo Deutsche Bahn ad un'iniziativa di questa portata in tempi troppo ristretti, senza darle il tempo necessario per prepararsi, critica Detlef Neuß, presidente di Pro Bahn ai nostri microfoni. Negli ultimi 25 anni, sottolinea Neuß, tutta l'infrastruttura ferroviaria tedesca è stata ridotta al minimo, come anche il personale, e in alcune regioni mancano i treni. È ora che si torni ad investire nella rete ferroviaria, chiede il presidente dell'associazione a tutela dei passeggeri dei mezzi di trasporto pubblici in Germania.

Iniziativa unica ed ecologista

Non ci sono precedenti simili in Germania ed in Europa. La misura fa parte di un pacchetto approvato dal governo formato da SPD, verdi e liberali per incentivare il risparmio energetico e sta destando molto entusiasmo. Tuttavia restano delle perplessibilità sulla sostenibilità finanziaria della misura, che comporta costi ingenti. Nonostante l'opposizione di alcuni Länder, la misura ha comunque ottenuto il via libera del Bundesrat, la Camera delle Regioni, venerdì 20 maggio, e riceverà un finanziamento di 2,5 miliardi. Ma molti Länder, in particolare la capitale Berlino solitamente invasa dai turisiti in estate, temono che l’investimento non sia sufficiente. Timori anche di ordine pubblico: si teme che nelle ore di punta treni e stazioni vengano prese d’assalto.

Quali vantaggi dalla mobilità elettrica per i trasporti pubblici?

La Germania vanta già un buon numero di immatricolazioni di auto elettriche, circa il 14% del mercato delle auto nuove. In Italia siamo ancora al 4%, spiega Roberto Boni, ingegnere meccanico, ex giornalista di "Quattro Ruote", esperto di tecnologia dei motori e di mobilità e trasporti elettrici in Italia. La Germania quindi sta scalando posizioni, anche perché la Volkswagen, la casa trainante del mercato automobilistico tedesco, sta puntando con decisione sull’elettrico.

Boni comunque ci spiega come in realtà l’auto elettrica continui ad avere un impatto sull’ambiente e non è vero che possa essere definita ad emissioni zero. La maggior parte delle batterie delle auto elettriche infatti si ricaricano con energia prodotta da fonti energetiche inquinanti come il carbone. Boni invece vede sicuri vantaggi economici e ambientali nello sfruttamento dell’elettrico nei trasporti pubblici.