Live hören
Jetzt läuft: South Of The Border von Ed Sheeran feat. Camila Cabello & Cardi B

Come mai stanno nascendo tanti nuovi partiti in Germania? COSMO italiano 01.03.2024 19:30 Min. Verfügbar bis 01.03.2025 COSMO Von Filippo Proietti


Download Podcast

Come mai stanno nascendo così tanti nuovi partiti in Germania?

Stand: 01.03.2024, 18:00 Uhr

a cura di FIlippo Proietti, Giulio Galoppo e Tommaso Pedicini

Nel giro di pochi mesi sono state fondate tre nuove formazioni politiche: il BSW (Bündnis Sahra Wagenknecht), frutto dell'uscita di Wagenknecht dalla Linke, la WerteUnion, risultato di una scissione a destra della CDU e il partito di ispirazione islamica, DAVA. Con i colleghi Giulio Galoppo e Tuncay Özdamar analizziamo questo fiorire di nuovi partiti, mentre con il giornalista ANSA Lorenzo Monfregola guardiamo ai cambiamenti che potrebbero derivare dai prossimi appuntamenti elettorali.

Sarah Wagenknecht und Hans Georg Maaßen

Sahra Wagenknecht e Hans-Georg Maaßen

Bündnis Sahra Wagenknecht (BSW)

L'ex leader del partito Die Linke, Sahra Wagenknecht, si posiziona a sinistra in termini di politica economica e a destra in termini di politiche migratorie, sostenendo la necessità di un freno a quella che lei definisce l'"immigrazione sregolata". Anche le sue posizioni in politica ambientale sono più vicine ai partiti conservatori che alla sinistra. BSW si rivolge sia ai simpatizzanti di sinistra delusi da Linke e SPD, che anche a chi ha votato AfD o CDU. Wagenknecht, da parte sua, esclude possibili coalizioni con l'AfD, ma anche coi Verdi. BSW parteciperà alle prossime elezioni europee. In Europa, BSW auspica più potere decisionale per gli Stati nazionali. Altre richieste includono la fine della fornitura di armi all'Ucraina e la fine delle sanzioni su petrolio e gas russi. Il partito si presenterà alle elezioni europee del giugno 2024 con capilista l'ex Linke Fabio De Masi e l'ex borgomastro socialdemocratico di Düsseldorf, Thomas Geisel.

La WerteUnion di Hans-Georg Maaßen

Lo scorso 17 febbraio è stato ufficialmente fondato anche il partito WerteUnion, con presidente Hans-Georg Maaßen. WerteUnion ha orgine nel 2017, quando viene fondata l'associazione Werteunion e. V. che rappresentava il nucleo più conservatore della CDU e della CSU. La nuova formazione intende presentarsi alle elezioni regionali in Turingia, Sassonia e Brandeburgo il prossimo settembre. Già membro della CDU, Maaßen è stato anche presidente dell'Ufficio federale per la difesa della Costituzione. Dopo aver lasciato questo incarico, Maaßen ha attirato l'attenzione con dichiarazioni antisemite e teorie cospirative. Alla fine di gennaio 2024, è stato reso noto che l'Ufficio federale per la difesa della Costituzione lo ha inserito nell'elenco dei soggetti osservati nell'ambito dell'estremismo di destra.

Come il BSW, anche WerteUnion sostiene una politica anti-immigrazione e si contende il favore degli elettori conservatori che non si sentono più rappresentati dalla CDU/CSU, ma non vogliono votare l'AfD. Ma, appena fondato, il partito è già in crisi esistenziale: dopo le dimissioni di due esponenti di spicco come Markus Krall e Max Otte, la WerteUnion sembra essere in procinto di sfaldarsi, a causa di dissidi interni di natura politica e personale.

DAVA - Demokratische Allianz für Vielfalt und Aufbruch

DAVA Partei - Demokratische Allianz für Vielfalt und Aufbruch

DAVA sta per Demokratische Allianz für Vielfalt und Aufbruch

DAVA sta per Demokratische Allianz für Vielfalt und Aufbruch (Alleanza Democratica per la Diversità e il Risveglio). Il collega Tuncay Özdamar, caporedattore della redazione turca di COSMO, ci spiega che DAVA vuole essere la voce dei musulmani che vivono in Germania. Ciò significa che non rappresenta solo gli interessi delle persone di origine turca. DAVA intende lottare contro la discriminazione e l'islamofobia e fare campagne per migliorare le opportunità di istruzione. Se si guarda al candidato di punta, si capisce subito che si tratta, tuttavia, di un'iniziativa politica molto vicina al governo turco e all'AKP di Erdogan. La stessa sigla ha un significato simbolico. Secondo Özdamar, le possibilità di successo alle elezioni europee sono buone, potrebbero mandare da uno a tre rappresentanti al Parlamento europeo. Diversa, invece, la situazione per le elezioni per il Bundestag, a causa della soglia di sbarramento del 5%.

Freie Wähler

I Freie Wähler sono rappresentati nel parlamento della Baviera dal 2008 e nel parlamento della Renania-Palatinato dal 2021. Fanno parte del governo bavarese dal 2018 e Hubert Aiwanger, leader della formazione, è anche vicegovernatore del Land. Ora i Freie Wähler vogliono fare il grande salto a livello federale e arrivare al Bundestag.

Requisiti necessari per fondare un partito in Germania

La Costituzione federale stabilisce innanzitutto che l'organizzazione interna di un partito deve essere conforme ai principi democratici. Le decisioni importanti, come il contenuto di un programma, devono emergere dalla base del partito. Un partito può essere fondato ex novo, oppure convertendo un'associazione esistente in un partito, che è quello che ha fatto Maaßen con la WerteUnion. La legge richiede anche l'elezione di un consiglio direttivo e l'adozione di uno statuto e di un programma. Il consiglio direttivo, composto da almeno tre membri, deve essere eletto a scrutinio segreto.

Le intenzioni di voto dei cittadini tedeschi, se fossero chiamati oggi alle urne

La CDU/CSU emerge come la formazione più forte in vista delle elezioni del Bundestag. Secondo un sondaggio Forsa condotto il 27 febbraio, i cristianodemocratici si attesterebbero al 30%, con 13 punti percentuali di vantaggio sull'AfD, che sarebbe la seconda forza con il 17%. I Verdi sarebbero al terzo posto con il 15%, mentre la SPD ha attualmente il 14%. La FDP oscillerebbe sulla soglia di sbarramento, al 5%.

Prospettive di successo delle nuove formazioni politiche

Un recente sondaggio riporta che ben il 40% degli elettori dei Länder orientali si immaginano di poter votare per il Bündnis Sahra Wagenknecht, la nuova formazione della ex leader della Linke. Lorenzo Monfregola, collaboratore freelance di Ansa e altre riviste da Berlino, ci aiuta a capire come si spiegano tanti potenziali consensi.