Live hören
Jetzt läuft: Gone girl von Obongjayar & Sarz

Italia e Germania nella sfida internazionale dei brevetti COSMO italiano 04.12.2023 17:04 Min. Verfügbar bis 03.12.2024 COSMO Von Giulio Galoppo


Download Podcast

Italia e Germania nella sfida internazionale dei brevetti

Stand: 04.12.2023, 16:11 Uhr

a cura di Francesco Marzano, Giulio Galoppo e Cristiano Cruciani

In Germania, terra di innovazioni scientifiche, stanno calando i brevetti che invece sono in crescita a livello europeo, ce ne parla Giulio Galoppo. Anche scienziati italiani e tedeschi tra i finalisti dell'European Inventor Award che ogni anno premia le idee più innovative. Sulla ricerca e i settori più lucrativi per i nuovi brevetti abbiamo sentito il giornalista scientifico Sandro Iannaccone.

Harald Haas

L'inventore tedesco Harald Haas

Tipologia di aziende tedesche in corsa per far brevettare le proprie invenzioni

Molte domande di brevetto in Germania sono presentate da aziende di medie dimensioni. Un esempio concreto è quello dell’azienda Trumpf di Ditzingen, vicino a Stoccarda. L’azienda ha progettato un nuovo freno a disco per le automobili. Utilizzando un nuovo tipo di lavorazione col laser, Trumpf sta modificando la superficie del freno a disco in modo da ridurre l'abrasione e quindi la produzione di particolato durante il processo di frenata. In Germania, nel 2022 sono stati registrati 57.214 brevetti di questo tipo presso l'Ufficio tedesco brevetti e marchi, Deutsches Patent- und Markenamt (DPMA). Si tratta del 16% in meno rispetto al 2018, mentre nello stesso periodo sono stati registrati circa il 12% in meno di brevetti nel sistema internazionale dei brevetti (PCT).

In cima alla classifica c'è un'azienda cinese. Seguono gli Stati Uniti, il Giappone, la Corea e, al quinto posto, la Germania.

Possibili cause del calo di domande tedesche di brevetti

In Germania, le spese per la ricerca e lo sviluppo sono aumentate notevolmente nel corso degli anni. C’è però meno consapevolezza della brevettabilità della ricerca rispetto a quanto avviene in Asia.

Si osserva anche un cambiamento strutturale nelle attuali domande di brevetto. Nel campo dell'ingegneria elettrica sono aumentate in modo significativo, mentre il numero di domande nel settore automobilistico, tradizionalmente forte, è diminuito. Crescono settori come la digitalizzazione, l'automazione, l'intelligenza artificiale e la tecnologia delle batterie, ma in termini di numero di domande di brevetto, questo sviluppo non è a favore della Germania, che, quando si parla di tecnologie e applicazioni digitali, non se la cava benissimo nel confronto internazionale,.

Tra i fattori particolarmente negativi vi sono gli alti costi dell'energia e gli oneri normativi paralizzanti in Germania. Per rimanere competitivi in futuro, risulta essere necessario digitalizzare lo Stato e l'amministrazione, ridurre la burocrazia e accelerare i processi. Per poter tenere il passo a livello internazionale, inoltre, è fondamentale la cooperazione europea.

Numeri record di brevetti a livello europeo

Con quasi 189.000 domande, nel 2021 sono state depositate presso l'Ufficio europeo dei brevetti più domande che mai. Rispetto all'anno precedente, praticamente il 5% in più.

Hanno dominato le invenzioni relative alla comunicazione digitale, mentre il secondo posto è andato alle invenzioni nel campo della tecnologia medica, seguito dalla tecnologia informatica. Il produttore cinese di smartphone Huawei ha presentato da solo 3.500 domande, superando i concorrenti sudcoreani Samsung e LG. Al quinto posto - dietro alla svedese Ericsson - si è piazzata l'azienda tedesca più innovativa, Siemens, Il secondo miglior candidato tedesco è stato Bosch. I due gruppi erano le uniche aziende tedesche ad essere entrate nella top ten delle aziende più innovative del 2021.

La transizione energetica e la tecnologia digitale hanno portato il numero di domande di brevetto nell'UE a un livello record. Questo passaggio da un settore a un altro è sicuramente un’altra causa della diminuzione, confermata, come abbiamo visto poco fa, anche nel 2022, delle domande di brevetto provenienti dalla Germania che ancora si concentrano, invece, su settori come l’ingegneria meccanica e la tecnologia automobilistica.

European Inventor Award

Se la quantità di brevetti in Germania cala, la qualità però resta. Lo dimostra, tra l'altro, il fatto che tra i finalisti dello "European Inventor Award" c'erano anche un team tedesco ed uno austro-tedesco.

Questa competizione si tiene ogni anno dal 2006 e vuole riconoscere i meriti degli inventori europei nonché incoraggiare l'innovazione nei campi dell'industria, della ricerca e delle piccole e medie imprese.

Il team guidato dal professore tedesco Harald Haas è arrivato in finale, grazie all'invenzione di "LiFi", una tecnologia di connessione senza fili che trasmette dati attraverso fonti luminose come luci LED invece che usare frequenze radio.

Il team austro-tedesco, invece, formato da Josef Faderl, Siegfried Kolnberger, Thomas Kurz e Andreas Sommer, ha sviluppato un metodo per produrre carrozzerie e pezzi di ricambio di automobili in un acciaio fino a sei volte più resistente, leggero e resistente alla corrosione di quello attualmente in circolazione.

Luca Rossettini

L'inventore Luca Rossettini

Anche l'Italia è ben rappresentata. Quest'anno è arrivato in finale Luca Rossettini, fondatore del sistema "D-Orbit" per rimuovere in modo sicuro dallo spazio la cosiddetta spazzatura spaziale, cioè satelliti non più utilizzati o rotti che rimangono in orbita.

Il mondo delle invenzioni, oggi

Al di là delle particolarità e dei punti di forza di ogni paese, in generale oggi le invenzioni si concentrano in settori comuni: elettronica, biotecnologie, industria, sanità. Le modalità di lavoro ruotano attorno a grandi team e investimenti. Ce ne parla Sandro Iannaccone, giornalista scientifico e docente all’Università La Sapienza di Roma.