Live hören
Jetzt läuft: Lágrimas Negras von Havana Meets Kingston Mista Savona feat. Beatriz Márquez

Nostalgia di cinema

Ascolta il servizio di Elisabetta Gaddoni

COSMO Radio Colonia - Beitrag 27.11.2020 04:18 Min. Verfügbar bis 27.11.2021 COSMO


Download Podcast

Nostalgia di cinema

di Elisabetta Gaddoni

Christos Acrivulis, barese di madre italiana e padre greco, gestisce da gennaio un piccolo cinema berlinese, il "Kino Klick" di Charlottenburg. Purtroppo per via dell'emergenza Covid la sala è stata aperta solo nei mesi estivi, e solo per pochi visitatori. Anche nel suo lavoro di distributore di produzioni cinematografiche indipendenti è impossibile al momento fare programmi.

Christos Acrivulis Kino in Berlin

Christos Acrivulis nel suo cinema

Nell'attesa che la situazione migliori Christos pensa a rassegne per il futuro, oltre a fare visita, ogni tanto, agli animali di pezza che nella sala provvedono alla distanza di sicurezza tra un posto e l’altro.

La passione per il cinema accompagna Christos sin da bambino, quando gli insegnanti di scuola media consigliavano ai ragazzi la visione di film impegnati come quelli di Luchino Visconti. Approdato a Saarbrücken col progetto Erasmus, Christos vi ha fondato il festival "Frammenti" dedicato alla cultura e alla musica italiana, oltre a contribuire alla programmazione del prestigioso festival "Max Ophüls". Approdato a Berlino ha lavorato alcuni anni nella grande distribuzione cinematografica, per poi fondare una propria casa, la "Missing films", dedicata a registi emergenti tedeschi e distributrice anche di film italiani: tra questi sia nuove produzioni che alcuni classici di Federico Fellini. Il sogno di gestire un piccolo cinema d'essai in cui proporre film che non trovano spazio nelle programmazioni mainstream accompagnava Christos da anni. Finalmente in gennaio ha potuto riaprire insieme ad alcuni soci un piccolo cinema che da decenni ormai era chiuso.

Il "Kino Klick" di Charlottenburg ha solo 83 posti, diventati 23 per via delle misure di sicurezza anti-Covid. Ma il successo degli eventi estivi, nei quali alla proiezione del film seguivano chiacchierate informali con personaggi noti come Eva Mattes e Katia Riemann, il vivace interesse degli abitanti del quartiere e la loro solidarietà hanno convinto Christos a tenere duro, nonostante le difficoltà economiche. E intanto la sala così vuota non è: gli animali di pezza realizzati da un'artista ipovedente che abita nel quartiere rimangono al loro posto, tra una poltrona e l'altra, a segnare la distanza che i visitatori forse ancora per un po' dovranno rispettare quando il cinema riaprirà.

Ascolta il ritratto cliccando sull'audio in alto su questa pagina.

Stand: 27.11.2020, 18:28