Live hören
Jetzt läuft: Kpo K3K3 von Stonebwoy feat.DarkoVibes, Kelvyn Boy Medikal & Kwesi Arthur

Una firma per la circoscrizione Estero

Una firma per la circoscrizione Estero

di Giulio Galoppo e Filippo Proietti

Arriva dalla Germania una petizione al governo italiano, affinché stralci dal testo di riforma costituzionale la riduzione del numero di parlamentari eletti nella circoscrizione Estero. A lanciarla è Vito Gironda, professore all’Università di Bielefeld.

Italiens Abgeordnete im Parlament

Vito Gironda, non ha dubbi: la riduzione dei parlamentari eletti all’estero viola il diritto alla cittadinanza. Considerando anche il costante aumento dei connazionali che decidono di trasferirsi oltreconfine, ridurre la rappresentanza parlamentare degli italiani nel mondo significherebbe calpestarne il valore. La circoscrizione estero è già oggi sottorappresentata.

Ad ogni deputato in Italia corrispondono 96mila abitanti, all’estero 400mila, oltre quattro volte di più. Con la riforma che si intende approvare, questo squilibrio crescerebbe ulteriormente, arrivando ad un deputato ogni 700mila italiani all’estero e ad un senatore per 1 milione e 400.000 elettori residenti oltreconfine. Un dislivello di questo tipo renderebbe vana qualsiasi forma di rappresentanza.

Secondo il professor Gironda, in questo modo, i cittadini italiani residenti all’estero diverrebbero cittadini di serie B. La petizione, pubblicata sul sito www.change.org, ha già raccolto 3.000 firme. Ne servono altre 9.000 per poterla consegnare al Parlamento italiano.

Stand: 23.01.2019, 18:15