Ascolta il servizio di Luciana Mella

COSMO Radio Colonia - Beitrag 15.12.2021 04:39 Min. Verfügbar bis 15.12.2022 COSMO


Download Podcast

Memorie di un sindacalista

Stand: 15.12.2021, 18:00 Uhr

di Luciana Mella

Da Gastarbeiter a consigliere nazionale del sindacato tedesco dei metalmeccanici IG Metall. Un’autobiografia, quella di Giuseppe Sammarro, che ci restituisce momenti di storia italiana e tedesca.

memorie

La copertina del libro

sammarro

Giuseppe Sammarro

Corigliano Calabro, provincia di Cosenza, 1962. Giuseppe Sammarro ha 16 anni. In tasca un biglietto ferroviario per Ulm, un visto turistico e l‘indirizzo di un compaesano che gli ha promesso di trovargli un lavoro. Ha deciso di lasciare la scuola e la famiglia per andare alla scoperta di una terra dove si fanno miracoli: la Germania. A stuzzicargli la fantasia sono i racconti di altri giovani emigrati che, quando rientrano in paese, dipingono quadri idilliaci della loro vita all‘estero. A Ulm, però, la realtà è ben altra. Il lavoro in fabbrica è pesante e i diritti, anche quelli più elementari, non sempre vengono rispettati. Giuseppe è giovane, pieno di energie e di curiosità e non si ferma al primo ostacolo. Mentre il senso di giustiza sociale cresce in lui, cambia più posti di lavoro e impara il tedesco. Nel 1965 approda a Düsseldorf, dove viene assunto alla Mannesmann Röhrenwerke, tubificio che conta oltre 5000 operai, di cui 1500 italiani. È la svolta della sua vita. Si iscrive all‘IG-Metall, il sindacato metalmeccanico e, nel 1973, viene eletto delegato sindacale. La sua tenacia e le sue battaglie per i diritti dei lavorarori stranieri lo porteranno, un paio d’anni dopo, ad entrare a far parte del consiglio nazionale dell‘IG-Metall.

Nel 1993 lascia la Germania per rientrare in Calabria, dove collabora con la CGIL fino all’età del pensionamento. Una biografia fuori dal comune, che lo stesso Sammarro ha messo nero su bianco nel libro “Gli anni dell’utopia. Memoir di un sindacalista in Germania“ (Ferrari editore, 2021). Un volume che ci fa ripercorrere una storia personale, ma anche una storia collettiva: quella degli italiani in Germania e del loro difficile cammino per la conquista dei diritti nel mondo del lavoro e della parità salariale.

Pagine che, come tessere di un mosaico, ricompongono passaggi cruciali e fondamentali del sindacato tedesco tra gli anni Sessanta e Novanta, offrendoci un racconto inedito e davvero singolare.