I settant'anni del Corriere d'Italia

Ascolta il servizio di Luciana Mella

COSMO Radio Colonia - Beitrag 07.04.2021 03:53 Min. Verfügbar bis 07.04.2022 COSMO


Download Podcast

I settant'anni del Corriere d'Italia

di Luciana Mella

Una lunga storia che vede la testata nascere e crescere insieme alla comunità italiana in Germania dal dopoguerra ad oggi.

Corriere d'Italia

Il Corriere d'Italia compie 70 anni.

Sono circa trentamila italiani gli italiani che, al termine del secondo conflitto mondiale, decidono di restare in Germania. Sono soprattutto uomini che non troverebbero più nessuno ad aspettarli a casa, o che magari si sono rifatti una famiglia o che, per essersi compromessi con il regime nazista o della Repubblica di Salò, preferiscono non rientrare in Italia.

Ed è così che nel 1951, su iniziativa di quattro missionari italiani che operano tra Berlino, Colonia, Francoforte e Monaco, nasce il mensile “La Squilla”, che cambierà il nome in “Corriere d’Italia” nel 1963. Una pubblicazione pensata, come spiega Don Aldo Casadei nel suo primo editoriale, datato gennaio 1951, per portare “la voce di Dio della Chiesa” tra i connazionali, che vivono piuttosto isolati e senza contattati: “Li ho visti un po’ dovunque e quante volte ho intuito o letto nei loro occhi la nostalgia di un cielo lontano e di una parola amica (…). La Squilla vorrà essere un mezzo di comunicazione per tutto ciò che può interessare i nostri lavoratori, i nostri commercianti e in genere le famiglie italiane che, spesso distanti dalle sedi consolari, solo di rado o inesattamente vengono a cognizione di ciò che potrebbe essere loro utile”.

Da una tiratura iniziale di 1200 copie mensili, il periodico diventa nel corso degli anni un importante punto di riferimento soprattutto a partire dal 1955. La firma dell’Accordo bilaterale italo-tedesco per il reclutamento e il collocamento della manodopera italiana nella Repubblica federale tedesca porta in Germania sempre più italiani, che diventano una delle comunità straniere più numerose sul suolo tedesco.

Oggi, con una tiratura mensile di 25.000 copie e un sito internet costantemente aggiornato, il Corriere d’Italia continua a mantenere fede alla sua missione informativa e di collegamento tra gli oltre 800.000 italiani residenti. Privilegiando un’informazione di servizio e di approfondimento delle tematiche che più toccano da vicino la comunità italiana, dai servizi consolari a nuove leggi in vigore in Germania, dalla scuola al pagamento delle tasse in Italia, la testata si rivolge sia alla vecchia generazione di migranti, sia alla nuova mobilità, accomunate ancora da un grande bisogno di informarsi in lingua italiana.

Stand: 07.04.2021, 18:15