Ascolta il servizio di Luciana Mella

COSMO Radio Colonia - Beitrag 02.06.2021 04:01 Min. Verfügbar bis 02.06.2022 COSMO


Download Podcast

Agevolazioni per chi rientra

Stand: 02.06.2021, 18:10 Uhr

di Luciana Mella

Per chi dall‘estero ha deciso di trasferire la propria residenza in Italia sono previsti una serie di incentivi fiscali. Sostegni temporanei anche per coloro che sono senza lavoro o in difficoltà economiche.

agevolazioni

Uno degli uffici di frontiera in Italia

Sono diverse le agevolazioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 e dalla revisione del Decreto Crescita 2019, destinate a coloro che rientrano in Patria. Il requisito fondamentale per poter accedere ai benefici è quello di non aver avuto la residenza in Italia per i 2 periodi d’imposta precedenti al rientro. Ci si deve inoltre impegnare a rimanere in Italia per almeno 2 periodi d’imposta e svolgere la futura attività lavorativa prevalentemente nel territorio italiano. Beneficiari delle agevolazioni sono neo-residenti, ricercatori e docenti, persone in possesso di laurea che hanno studiato all‘estero negli ultimi due anni, o più, conseguendo un’ulteriore laurea o una specializzazione, lavoratori rimpatriati, rimpatriati al Sud e sportivi professionisti. Per queste categorie il reddito imponibile sarà calcolato, per 5 anni, solo sul 30% dei redditi. Per coloro che rientrano al Sud, la base imponibile si riduce al 10%.

Un capitolo a parte è previsto per i pensionati che, trasferendo la propria residenza fiscale nel Mezzogiorno d’Italia, in un Comune con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, possono accedere per 10 anni al regime fiscale agevolato (imposta sostitutiva) del 7%. Oltre a non essere stati fiscalmente residenti in Italia nei 5 anni precedenti al rientro, devono essere titolari di una pensione erogata da soggetti esteri. Chi percepisce la sola pensione INPS non ha diritto all‘agevolazione. Infine, coloro che decidono di rientrare in Italia, possono fare domanda per ottenere il Reddito di Emergenza (Rem) entro il 31 luglio, sempre abbiano i requisiti previsti. Chi è rimasto disoccupato può anche usufruire dell‘indennità di disoccupazione per coloro che rientrano dall‘estero. Per accedervi si deve rimpatriare entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro all‘estero e rendere, entro e non oltre 30 giorni dalla data del rimpatrio, una dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro ad un Centro dell‘impiego.