Live hören
Jetzt läuft: Hasta la vista von PNL

Zone a rischio in Europa

Ascolta l'intervista a Giulio Galoppo

COSMO Radio Colonia - Beitrag 25.08.2020 04:29 Min. Verfügbar bis 25.08.2021 COSMO


Download Podcast

Zone a rischio in Europa

di Giulio Galoppo

In progressivo aumento il numero di contagi non solo in Germania, ma in tutta Europa. Il governo tedesco aggiorna costantemente la lista delle regioni europee che vengono classificate “a rischio”.

Touristen in Paris während der Pandemie

Anche Parigi è zona a rischio a causa dei molti nuovi contagi

Lo scorso 14 agosto, il Ministero degli Esteri ha sconsigliato viaggi in Spagna, incluse le isole Baleari. Nei giorni successivi, la lista si è allungata con l’aggiunta di alcuni regioni del Belgio, della Croazia, Bulgaria, Romania e, oggi, Francia.

I turisti in procinto di partire per questi Paesi con viaggi organizzati possono annullare il viaggio e avere un totale rimborso. Quelli che già vi stanno soggiornando possono decidere se proseguire la vacanza come da programma oppure, qualora la vacanza dovesse essere compromessa, per esempio attraverso l’obbligo di stare in isolamento per l’intero periodo del viaggio, richiedere il rientro anticipato e il rimborso dei giorni annullati. Chi viaggia autonomamente, per poter rientrare si deve, invece fare carico dei costi.

Al rientro in Germania dalle zone a rischio, i turisti devono stare in quarantena per quattordici giorni. Una volta fatto il test con risultato negativo, si può interrompere la quarantena. Il test può essere fatto immediatamente al rientro ed è gratuito. Si pensa, però, a una modifica. Il test diventa a pagamento e può essere fatto non prima di cinque giorni dal rientro. Le modifiche dovrebbero entrare in vigore a metà settembre o all'inizio di ottobre. A chiedere fortemente questi cambiamenti è il ministro federale della Salute, Jens Spahn, insieme ad altri colleghi dei Länder, ma non tutti. La Baviera, per esempio, è contraria all’eliminazione del test gratuito e anche la compagnia aerea di bandiera, Lufthansa, ritiene sarebbe un grave passo indietro.

Stand: 25.08.2020, 18:30