Live hören
Jetzt läuft: Agua De La Tierra von Rodrigo Gallardo & Nicola Cruz

Vaccino ai bambini, l'Italia dice sì

Ascolta l'intervista a Patrizia Popoli

COSMO Radio Colonia - Beitrag 02.12.2021 06:07 Min. Verfügbar bis 02.12.2022 COSMO


Download Podcast

Vaccino ai bambini, l'Italia dice sì

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Sul vaccino contro il Covid-19 per la fascia 5-12 anni la Stiko, commissione permanente del governo tedesco sui vaccini, non prende posizione - e il suo presidente dice che non farebbe vaccinare i suoi figli. Intanto l'Aifa in Italia l'ha approvato. Ai nostri microfoni Patrizia Popoli, presidente della Commissione Tecnico Scientifica di Aifa.

vaccino

Una bimba viene vaccinata

Le fiale con il vaccino pediatrico di Pfizer contro il coronavirus arriveranno in Italia il 15 dicembre. Lo ha annunciato la struttura commissariale del generale Francesco Figliuolo, aggiungendo che le dosi attese sono 1,5 milioni. La vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni potrà così cominciare tra il 15 e il 16 dicembre, a seconda delle zone del Paese e quindi dei tempi di spedizione. L'avvio sarà quindi anticipato rispetto a quello previsto, cioè il 23 dicembre. Le Regioni intanto si stanno organizzando, cercando anche di seguire l'indicazione arrivata da Aifa, e cioè di costruire percorsi vaccinali dedicati ai bambini.

Se in Italia tutto sembra stabilito ed avviato, in Germania non è così. Thomas Mertens, il presidente della commissione per i vaccini del governo di Berlino, la Stiko, oggi è stato intervistato dal quotidiano "Faz". La giornalista gli ha chiesto: "Se avesse un figlio di 7 anni lo farebbe vaccinare?", "No molto probabilmente no", ha risposto Mertens, che prima aveva sottolineato come al momento i dati raccolti non rassicurano completamente su efficacia e soprattutto sulle controindicazioni del vaccino. Inoltre ancora non è stato realizzato un vaccino ad hoc per i bambini.

Con Patrizia Popoli, presidente della Commissione Tecnico Scientifica di Aifa (Agenzia italiana del farmaco) abbiamo parlato dei dubbi legati al vaccino per i bambini. Popoli ci spiega nell'intervista perché l'Agenzia italiana del farmaco ha approvato il vaccino anche per i bambini tra 4 e 11 anni: "I benefici anche i questo caso sono decisamente superiori alle controindicazioni". Secondo Popoli, inoltre, le milioni di vaccinazioni effettuate negli Usa e in Israele sui bambini rassicurano sull'efficacia e la sicurezza del vaccino mRna Pfizer-Biontech.

Stand: 02.12.2021, 18:15