Live hören
Jetzt läuft: Boloko von Fatoumata Diawara

Vaccino sempre più vicino

Covid-Impfzentrum Düsseldorf

Vaccino sempre più vicino

di Cristina Giordano e Francesca Montinaro

Il ministro della Salute Jens Spahn ha annunciato oggi la possibile data di vaccinazione in Europa: il 27 dicembre. Sempre che l'Agenzia Europa per il Farmaco approvi il vaccino di Pfizer/Biontech entro il 21 dicembre. Nel frattempo l'Italia pensa a nuove misure più serrate per i giorni di festa.

Vaccini in Europa: c'è una data

Il ministro federale della Sanitá, Jens Spahn ha indicato il 27 dicembre come probabile data d'inizio delle vaccinazioni in tutta l'Unione Europa. Le vaccinazioni dovrebbero partire in tutti i paesi europei contemporaneamente, questo, fermo restando che l'Agenzia Europea del Farmaco approvi il siero Pfizer/Biontech, come atteso, il 21 dicembre. Spahn lo ha comunicato oggi (17 dicembre) durante una videoconferenza con la Cancelliera Angela Merkel, la Ministra per la ricerca Anja Karliczeck e i fondatori della Biontech, l'azienda tedesca, che con l'americana Pfizer ha messo a punto il primo vaccino che si attende in Europa.

I controlli

La notizia arriva nel giorno in cui il Robert Koch Institut corregge al rialzo il numero di contagi. Per la Germania salgono a oltre 30.400. In Germania sarà il Paul Ehrlich Institut ad analizzare tutti i lotti del vaccino che poi saranno distribuiti nei centri predisposti. La Cancelliera Angela Merkel sottolineando la grande speranza che il vacciono rappresenta al momento per frenare la pandemia ha espresso a Ugur Sahin e Özlem Türeci, fondatori di Biontech gratitudine e apprezzamento per questa eccezionale prestazione scientifica che ha permesso di portare un vaccino così presto sul mercato.

La ministra Karliczek, da parte sua, ha cercato di rassicurare tutti coloro che hanno ancora delle riserve sul vaccino. Il governo attende per la Germania in un primo momento una fornitura di 400 mila dosi. E domani (18 dicembre) intanto entrerà in vigore il protocollo per le vaccinazioni che stabilisce tra l'altro l'ordine in cui i cittadini potranno farsi vaccinare. Davanti a tutti i cittadini più fragili e più a rischio.

In Italia

Il Veneto inasprisce le regole di fronte a dati allarmanti sui contagi che non calano. Da sabato 19 dicembre e fino al 6 gennaio viene introdotto il divieto di spostamento tra i comuni a partire dalle 14, possibili solo per lavoro o motivi d'urgenza. Il presidente della Regione Luca Zaia ha giocato d'anticipo in attesa delle nuove, piú severe misure in discussione al governo contro gli assembramenti e per i giorni di festa.

Le nuove restrizioni potrebbero arrivare sabato o anche domani sera, dopo il Consiglio dei Ministri convocato per le 18. Si ipotizza un'Italia tutta in zona rossa nei giorni immediatamenti vicini a Natale e Capodanno, con chiusura totale di negozi, bar e ristoranti, permesso solo di incontrarsi con i genitori o col partner. Lo ha confermato il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia.

Stand: 17.12.2020, 18:30