Live hören
Jetzt läuft: Sticks n Tones von Wanlov the Kubolor

Molti vaccini, troppi contagi

Una terapia intensiva

Molti vaccini, troppi contagi

di Luciana Caglioti e Daniela Nosari

Quasi 30.000 i nuovi casi di Covid 19 in Germania, mentre i medici di terapia intensiva chiedono misure urgenti e severe. Preoccupati anche Spahn e Wieler.

Record di persone vaccinate in Germania

La Germania registra il record di persone vaccinate in un giorno, 739.000 contro i 564.000 del giorno precedente. Ma il numero dei contagi è in forte aumento: nelle ultime 24 ore (15.04.21) sono stati registrati infatti 29.426 nuovi casi, l'incidenza a livello federale è salita a 160,1. Il numero dei morti, 293, rimane stabile, ma non diminuisce, sottolinea il direttore del Robert-Koch Institut, Lothar Wieler.

Aumentano le terapie intensive

Intanto le terapie intensive negli ospedali tedeschi sono sempre più sotto pressione, e si abbassa l'età media delle vittime. Gernot Marx, presidente della DIVI, l'Associazione interdisciplinare di terapia intensiva e medicina d'urgenza, spiega che tra gli under 50 in terapia intensiva un paziente su cinque muore, tra gli anziani, in media, uno su due.

Appello per nuove restrizioni

E come i medici di terapia intensiva, anche il presidente dell'Istituto Robert Koch, Lothar Wieler, chiede alla politica di agire ora. Anche il ministro federale della Sanità Jens Spahn, CDU, si è detto oggi profondamente preoccupato, e ha chiesto ai Länder di introdurre subito ulteriori restrizioni - senza aspettare fino alla prossima settimana, quando il Bundestag dovrebbe approvare il freno di emergenza a livello federale.

Occorrono azioni decise, ha ribadito Spahn, perché vaccini e test da soli non bastano a fermare la terza ondata pandemica. Nonostante l'alto numero di persone vaccinate, in media mezzo milione al giorno, gli effetti della campagna vaccinale, secondo Spahn, non si fanno ancora sentire a causa della crescita esponenziale delle infezioni.

Astrazeneca per la Cancelliera

Intanto il ministro federale dell'Interno Horst Seehofer, CSU, ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer-Biontech. Angela Merkel dovrebbe ricevere la prima dose del vaccino Astrazeneca a breve, secondo il quotidiano "Die Welt". Merkel rientra infatti nella categoria degli ultrasessantenni.

Aperture graduali in Italia

In Italia la Conferenza delle Regioni ha approvato una bozza con le linee guida per la riapertura di alcune attività in condizioni di sicurezza e nel rispetto dei protocolli di prevenzione anche nelle zone rosse. Il documento riguarda le aperture graduali a partire da maggio di ristorazione, palestre, piscine, strutture termali, cinema e spettacoli dal vivo.

Stand: 15.04.2021, 18:43