Live hören
Jetzt läuft: Supalonely von Benee feat. Gus Dapperton

Ritardi vaccini: cosa dice Bruxelles

Ascolta l'intervista a David Carretta

COSMO Radio Colonia - Beitrag 25.01.2021 06:41 Min. Verfügbar bis 25.01.2022 COSMO


Download Podcast

Ritardi vaccini: cosa dice Bruxelles

di Cristina Giordano e Francesca Montinaro

Presunti favori agli USA, minacce di cause. A cosa sono dovuti i ritardi delle consegne dei vaccini di Pfizer/BionTech e AstraZeneca all’Europa? Ne parliamo con David Carretta, corrispondente da Bruxelles per Il Foglio.

Impfdosen Covid-19

Consegne in ritardo per i vaccini anti-Covid.

L’annuncio dei ritardi

Nei giorni scorsi ci sono stati diversi annunci di ritardi nella distribuzione dei vaccini anti-Covid-19. In particolare per il vaccino di Pfizer/BionTech. A metà gennaio una nota dell’azienda motivava i ritardi delle consegne a causa di modifiche dei processi di produzione, le quali avrebbero portato a un aumento della capacità produttiva dello stabilimento belga di Puurs.

Il conteggio delle dosi

I paesi europei lamentano grandi differenze nei numeri delle dosi consegnate o in arrivo. Ciò dipende dal fatto che, a campagna di vaccinazione già avviata, è stata certificata dall’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) la possibilità di estrarre 6 dosi da ogni fiala, e non più 5, come inizialmente previsto. La dose extra tuttavia non verrebbe conteggiata come «regalo», ma rientrerebbe nel piano di consegne di Pfizer/BionTech.

L’Italia valuta la possibilità di fare causa

Secondo quanto riportato dai media italiani, l’Italia starebbe valutando la possibilità di fare causa a Pfizer/BionTech perché i ritardi e la differenza di dosi nelle consegne influirebbero sul piano di vaccinazione del paese.

Il trattamento di favore verso gli USA

Secondo alcuni giornalisti e politici italiani dietro a questi ritardi e differenze, si nasconderebbe un presunto trattamento di favore nei confronti degli USA, patria di Pfizer. Ma secondo David Carretta, corrispondente da Bruxelles per Il Foglio e Radio Radicale, si tratta di un’ipotesi poco plausibile visto che l’UE è di fatto il primo cliente per numero di dosi, e in tal caso potrebbe essere motivo di causa legale.

Stand: 25.01.2021, 18:20