Live hören
Jetzt läuft: My Bebe von Omah Lay

Quando torneremo in Italia?

Ascolta il servizio di Cristina Giordano

COSMO Radio Colonia - Beitrag 14.05.2020 04:31 Min. Verfügbar bis 14.05.2021 COSMO


Download Podcast

Quando torneremo in Italia?

di Cristina Giordano

Sempre più italiani all’estero stanno vivendo la pandemia lontani dalle loro famiglie, e non vedono l'ora di rientrare in Italia. Alcuni parlamentari eletti all’estero prendono ora a cuore la questione. E scrivono una lettera al premier Conte. Quali soluzioni propongono?

Frau fährt Auto mit Mundschutz

È ancora difficile tornare in Italia

Lontani dalle famiglie

C’è la storia di Mario, ingegnere a Brema, con moglie e figlio residenti però a Napoli. Non si vedono da quando è iniziato il lockdown a causa del Coronavirus. O Annarita, che da Berlino vorrebbe andare a trovare in Italia un genitore gravemente malato, ma con il marito tedesco non è possibile. Insomma, sono tante le storie di expat che in Germania stanno affrontando la pandemia distanti dalle loro famiglie e dovrebbero varcare più di un confine per riavvicinarsi.

Le regole attuali

Mentre la “Fase 2” in Italia ha introdotto la possibilità di andare a visitare i “congiunti”, per ora se residenti nella stessa regione, per chi vive all'estero questo non è possibile. Attualmente, infatti, è possibile rientrare in Italia solo se si ha la residenza stabile e per motivi personali di salute e comprovate ragioni di lavoro.

Andare a trovare la famiglia, anche nel caso di un genitore solo e anziano, o addirittura malato, non è ora considerato un motivo “di assoluta necessità”. Ci sono poi difficoltà aggiuntive: come quella della quarantena di due settimane, che ad oggi (14 maggio 2020) si dovrebbe rispettare sia all'arrivo in Italia che al ritorno in Germania - tranne che in alcune eccezioni regionali e in casi specifici previsti, come ad esempio per i pendolari, per chi lavora in settori critici, come ad esempio, nella sicurezza pubblica o nel settore sanitario e per chi è in transito verso un altro paese.

A questo link trovi la pagina in cui abbiamo raccolto tutte le norme attualmente da rispettare per chi si sposta dalla Germania verso l'Italia, e viceversa.

L'iniziativa degli eletti all'estero

Ecco perché diversi parlamentari della Circoscrizione Estero chiedono al governo Conte di trovare soluzioni.

Alessandro Fusacchia, Gruppo Misto, è firmatario di due ordini del giorno già approvati dal parlamento proprio su questo tema. Tra i firmatari anche Elisa Siragusa, M5S, Massimo Ungaro, Italia Viva, e Angela Schirò, PD.

Negli ordini del giorno si chiede che anche agli italiani all’estero venga concessa la visita ai parenti, pur mantenendo l’obbligo di quarantena, una volta arrivati sul territorio italiano.

« Adesso c’è una sollecitazione formale, istituzionale, con questi ordini del giorno, proposti e approvati dall’aula. Detto questo i tempi li detta solo il presidente del Consiglio.», dice Fusacchia.

Fusacchia insieme a Massimo Ungaro di Italia Viva, proprio per sollecitare la questione, ha oggi inviato anche una lettera direttamente al premier Conte, in cui si chiede una soluzione, valutando anche la diffusione dei contagi nelle diverse regioni d’Italia e gettando un occhio particolare alle coppie di nazionalità diversa.

Ecco la lettera che i parlamentari ci hanno fatto pervenire.

La proposta sulla quarantena

Anche Simone Billi della Lega è firmatario di un altro ordine del giorno sul tema Coronavirus, che punta alle visite familiari brevi, senza obbligo di quarantena. Billi:

« La normativa attuale prevede che le persone possano venire in Italia per motivi di lavoro per 5 giorni, senza fare la quarantena obbligatoria. Noi abbiamo proposto gli stessi 5 giorni, validi per i rincongiuntimenti familiari, senza l’obbligo di quarantena. »

In attesa di nuove misure, si ricorda che qualora si riesca ad andare in Italia, una volta tornati in Germania vanno rispettate le misure tedesche. Che prevedono, ad oggi (14 maggio 2020), l’obbligo di quarantena di 14 giorni. Unica eccezione la Bassa Sassonia.

E proprio oggi sul tardo pomeriggio (14 maggio 2020) il Nordreno-Westfalia ha annunciato di rimuovere l'obbligo della quarantena da chi arriva dall'estero.

Stand: 14.05.2020, 18:20