"Scippo al Sud"

Scippo al Sud

COSMO Radio Colonia - Beitrag 27.04.2021 05:25 Min. Verfügbar bis 27.04.2022 COSMO


Download Podcast

"Scippo al Sud"

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Secondo 500 sindaci del Meridione che sono scesi in piazza a Napoli il 25 aprile, il Recovery Plan del governo italiano non concede abbastanza fondi al Sud. Ai nostri microfoni tutto lo sconforto e la rabbia del blogger e meridionalista Pino Aprile.

napoli

La manifestazione dei sindaci del Sud a Napoli

Una grande manifestazione con almeno 500 sindaci tra cui quello di Napoli, Luigi De Magistris, e di Palermo, Leoluca Orlando. I primi cittadini di realtà grandi e piccole del Mezzogiorno sono scesi in piazza a Napoli nel giorno della Liberazione per ricordare che "il Sud ancora non è stato liberato". "Dopo la Seconda Guerra Mondiale - ricorda Aprile - la Lombardia, da sola, ottenne dai fondi arrivati in Italia con il Piano Marshall il doppio di quanto fu dato a tutto il Meridione messo insieme". Ora la storia sembra ripetersi: Bruxelles aveva dato chiare indicazioni sui criteri di distribuzione delle risorse basati su Pil, popolazione e disoccupazione. Criteri pensati per decidere la ripartizione dei 750 miliardi del Recovery tra i diversi Paesi Ue.

In base a questi parametri, sostengono i sindaci del Sud, al Mezzogiorno spetterebbe il 70%, circa 140 miliardi. "Invece il governo Draghi - ha sottolineato il sindaco di Napoli, De Magistris - sotto la spinta di una componente nordcentrica, ha rivisto i criteri, assegnando al Mezzogiorno solo il 40% degli oltre 200 miliardi del Recovery italiano”, Ancora più duro il blogger e meridionalista, Pino Aprile: "Così si trattano le colonie! Ci troviamo di fronte ad un vero e proprio furto. Quel 40% contiene anche i fondi dello sviluppo e coesione che non hanno nulla a che fare con il Recovery fund". Aprile ricorda anche che molti soldi saranno destinati all'alta velocità ferroviaria ma ci sono capoluoghi di provincia come Matera "che non hanno ancora visto il treno". Nella capitale europea della cultura 2019, infatti, non c'è mai stata una linea ferroviaria.

Stand: 27.04.2021, 18:27