Live hören
Jetzt läuft: It's a pity von Tanya Stephens

Ascolta l'intervista a Thomas Mertens

COSMO Radio Colonia - Beitrag 05.07.2021 06:51 Min. Verfügbar bis 05.07.2022 COSMO


Download Podcast

No ai vaccini per i giovani

Stand: 05.07.2021, 18:20 Uhr

di Vincenzo Savignano e Filippo Proietti

Sale la pressione della politica sulla Commissione permanente per le vaccinazioni (STIKO). Ai nostri microfoni il presidente Thomas Mertens, in un ottimo italiano, spiega le ragioni del NO.

stiko

Un adolescente vaccinato

Alcuni politici tedeschi in particolare il ministro della Salute, Jens Spahn (Cdu), ma anche il ministro-presidente bavarese Markus Söder (Csu) e la stessa cancelliera Angela Merkel stanno cercando più o meno direttamente di convincere la commissione commissione permanente per le vaccinazioni (STIKO) a cambiare posizione sui vaccini per i giovani tra i 12 ed i 17 anni.

Nel primo studio analizzato dalla STIKO in questa fascia d'età "sono stati vaccinati solo 1.130 giovani e il periodo di osservazione è stato molto breve: due mesi. Questo piccolo rilevamento non concede di valutare bene la sicurezza del vaccino sui ragazzi tra i 12 ed i 17 anni", spiega Mertens. Il presidente della STIKO approfondisce la questione ricordando che nelle ultime settimane negli Stati Uniti e in Israele "sono stati vaccinati molti giovani ed è stato visto che alcuni soggetti sani sviluppavano delle miocarditi´". La miocardite è un'infezione del muscolo cardiaco che se curata rientra e non provoca problemi ma non si può escludere che in seguito "queste miocardiiti possano provocare un'insufficienza cardiaca". Mertens e la STIKO continuano a sconsigliare le vaccInazioni per i giovani sani e non va dimenticato "che circa 9 milioni di bambini fino agli 11 anni non potranno essere vaccinati", conclude Mertens che lancia anche una frecciata al mondo politico tedesco "le pressioni politiche sono anche conseguenza delle elezioni politiche ormai alle porte".