Live hören
Jetzt läuft: Manta von MJ Cole

Sopravvissuti a Stazzema, cavalieri in Germania

Ascolta l'intervista a Enio Mancini

COSMO Radio Colonia - Beitrag 27.05.2020 05:54 Min. Verfügbar bis 27.05.2021 COSMO

Download Podcast

Sopravvissuti a Stazzema, cavalieri in Germania

di Agnese Franceschini e Filippo Proietti

Sono sopravvissuti ad una delle più feroci stragi nazifasciste perpetrate in Italia. Dopo 76 anni Enrico Pieri ed Enio Mancini hanno ricevuto un importante riconoscimento dalla Germania. Enio Mancini ci racconta la sua storia e la sua missione.

Enrico Pieri ed Enio Mancini

Enrico Pieri ed Enio Mancini

All’alba del 12 agosto del 1944 tre reparti della sedicesima divisione granatieri corazzati delle SS accompagnati da alcuni fascisti italiani circondavano Sant’Anna di Stazzema, un paesino delle Alpi Apuane, e davano inizio ad una operazione di sterminio feroce che aveva l’unico scopo di terrorizzare la popolazione italiana. In poche ore furono trucidate 560 persone,130 delle quali bambini sotto i quattordici anni. Tra i pochi sopravvissuti ci furono Enrico Pieri, che si era nascosto in un sottoscala e ha visto uccidere l’intera famiglia, ed Enio Mancini, salvato da un tedesco buono che lui ha scambiato per un angelo. Enio Mancini, oggi 82enne, ci racconta come ha vissuto quella giornata terribile, ma anche la sua voglia di dare testimonianza perché “se scompare la memoria, scompare tutto.” Oggi, sottolinea Mancini ai nostri microfoni, ha più amici in Germania che in Italia e vede la commozione negli occhi dei ragazzi quando racconta quello che è successo a Sant’Anna di Stazzema, anche in Germania, dov'è stato in diverse città e dove ha già ricevuto diverse onorificenze. A causa dell’età Mancini e Pieri non potranno andare a Berlino, e quindi probabilmente la cerimonia di consegna dell'ordine al merito tedesco, la "Verdienstkreuz am Bande", si terrà proprio a Sant’Anna di Stazzema: il luogo che li ha fatti diventare eroi loro malgrado.

Stand: 27.05.2020, 18:00