Live hören
Jetzt läuft: Friends von Marshmello & Anne-Marie

Le scuole ripartono tra speranze e paure

Ascolta il servizio di Vincenzo Savignano

COSMO Radio Colonia - Beitrag 03.09.2021 04:46 Min. Verfügbar bis 03.09.2022 COSMO


Download Podcast

Le scuole ripartono tra speranze e paure

di Vincenzo Savignano

In molti Länder tedeschi è iniziato l'anno scolastico, nel NRW dal 18 agosto. Vincenzo Savignano ha incontrato studenti e insegnanti della scuola cattolica bilingue Papa Giovanni XXIII di Colonia. In Germania e in Italia cresce la preoccupazione degli psicologi: gravi conseguenze dei lockdown sullo sviluppo psicofisico di bambini e adolescenti.

Die Pandemie hat den Alltag der Schüler*innen

La scuola in Germania riparte in presenza ma con molte misure di sicurezza

I ragazzi e le ragazze della Giovanni XXIII di Colonia raccontano le loro difficoltà durante i lockdown. I compiti a casa, la solitudine. Le lezioni a distanza addirittura incomprensbili per gli studenti italiani arrivati da poco in Germania.

Oltre alle note difficoltà e ai problemi legati alla dad, la pandemia ha avuto un impatto molto negativo sulla crescita psicofisica di ragazzi e adolescenti. In Italia, secondo uno studio realizzato dall'Istituto Piepoli per conto del Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi (Cnop), il 70% dei bambini ha problemi psicologici a causa delle conseguenze dei lockdown. Si legge nel report: «Sei bambini su dieci sotto i sei anni e sette su dieci sopra i sei anni mostrano problemi psico-comportamentali con il rischio di sviluppare disturbi più severi tre volte maggiore rispetto al pre-pandemia». In Germania la situazione non è differente.

Paura, ansia, depressione, sbalzi d'umore, disturbi dell'alimetazione, dipendenza da cellulari e videogiochi ma anche aumento dell'aggressività e desiderio di stare da soli. Questi i problemi riscontrati dagli psicologi sui bambini e gli adolescenti nel corso della pandemia. Sia in Italia sia in Germania sempre più scuole hanno attivato un servizio di psicologia scolastica per gli studenti.

Insegnati e studenti continuano a vivere sotto pressione: c'è anche il problema dei tamponi, due volte a settimana tutti gli studenti devono effettuare dei test anti-Covid prima di iniziare le lezioni. Se qualcuno risulta positivo, scatta la procedura di quarantena ora non più tutta la classe ma solo chi è a stretto contatto con il positivo.

Per evitare nuovi lockdown e agevolare il normale svolgimento delle lezioni la Stiko, la commissione governativa sui vaccini, consiglia di vaccinare tutti gli studenti sopra i 12 anni. In molte scuole la maggior parte degli studenti dell'ultimo anno è vaccinata.

Stand: 03.09.2021, 18:29