Live hören
Jetzt läuft: Guaracha U.F.O (Versión Rebajada) von Meridian Brothers

Scrivere dopo la pandemia: a colloquio con Carlotto e Corsalini

COSMO italiano 13.05.2022 19:18 Min. Verfügbar bis 13.05.2023 COSMO Von Luciana Caglioti


Download Podcast

Scrivere dopo la pandemia: a colloquio con Massimo Carlotto e Giulia Corsalini

Stand: 13.05.2022, 18:00 Uhr

A cura di Luciana Caglioti, Agnese Franceschini e Tommaso Pedicini

Dopo una lunga pausa dovuta alla pandemia, sono ricominciate le presentazioni di libri in pubblico. Così in Germania e in Italia si moltiplicano le iniziative per far incontrare lettori e scrittori. Non solo il Salone del Libro di Torino, ma anche eventi letterari a Colonia, Berlino ed Amburgo. Ne abbiamo approfittato per farci raccontare da due scrittori, Massimo Carlotto e Giulia Corsalini - che di recente sono stati a Colonia a presentare le edizioni tedesche dei loro lavori -, come abbiano vissuto la pandemia e che ruolo abbia la letteratura tra guerra e propaganda.

Schriftsteller Massimo Carlotto

Massimo Carlotto

Massimo Carlotto

"E verrà un altro inverno" è il titolo del penultimo romanzo dello scrittore padovano, che ha caratterizzato come pochi altri il  panorama del nuovo noir italiano.  Il libro è uscito a febbraio anche in Germania con il titolo "Und es kommt ein neuer Winter" (Folio Verlag) e Massimo Carlotto racconta come sia abbastanza diverso rispetto agli altri suoi romanzi. Il protagonista, Bruno, si sposa in seconde nozze con Federica, una donna più giovane di lui e va a vivere in una paesino di una valle del Nord Italia. È un forestiero, uno che non appartiene al territorio in cui vive. Diventa vittima di atti intimidatori per mandarlo via. Durante un pestaggio viene ferito e la situazione precipita. Nel romanzo Carlotto rinuncia ad un vero protagonista per fare un ritratto di una società chiusa che usa il pettegolezzo e la diffamazione per distruggere e controllare chi non ne segue le regole.

Pettegolezzi e social media

"Quello che oggi fanno i social media, veniva e viene fatto anche in una struttura arcaica come quella della provincia italiana", racconta Carlotto. Il meccanismo è lo stesso, secondo Carlotto: i social polarizzano e tendono a demonizzare le poche voci che vorrebbero semplicemente approfondire, ad esempio in queste settimane, il tema della pace e della guerra.

Letteratura e società

"La pandemia ha cambiato antropologicamente la società italiana e la guerra impedisce una riflessione profonda al riguardo. Di fronte a questo cambiamento anche la letteratura deve adeguarsi." Carlotto spiega così il suo intento di destrutturare il genere noir per essere più aderente ad una società in evoluzione.

L'Ucraina di Giulia Corsalini

Schriftstellerin Giulia Corsalini

Giulia Corsalini

Il romanzo "La lettrice di Cechov" è uscito nel 2018 in Italia, e nell'ottobre scorso in Germania. Il libro racconta la storia di Nina, una donna ucraina di lingua russa, molto colta, costretta a fare la badante in una città italiana. Lo fa per aiutare il marito malato e far studiare sua figlia rimasta in Ucraina. In Italia Nina affronta la solitudine, ma riscopre anche la passione per la letteratura russa, in particolare per Cechov. Questo le darà la possibilità di diventare docente universitaria. Il libro di Giulia Corsalini parla di solitudine e la guerra in Ucraina lo rende estremamente attuale per capire il popolo ucraino e il suo legame con la cultura russa.