Rifiuti tecnologici: come smistarli

Ascolta l'intervista ad Antonio Galdo

COSMO Radio Colonia - Beitrag 03.12.2019 05:35 Min. Verfügbar bis 02.12.2020 COSMO

Download Podcast

Rifiuti tecnologici: come smistarli

di Cristina Giordano e Francesca Montinaro

In Europa ci sarebbero 700 milioni di telefonini inutilizzati e gettati in un cassetto dai quali si potrebbero recuperare milioni di euro in oro, rame, litio e si potrebbero creare posti di lavoro. Perché non vengono smaltiti adeguatamente? Di rifiuti tecnologici parliamo con Antonio Galdo, giornalista esperto di buone pratiche ambientali.

Müll, PC, Computer

Rifiuti tecnologici

Secondo un recente studio dell’Unione Europea (“Identifying the impact of the circular economy on the fast-moving consumer goods industry Opportunities and challenges for business, workers and consumers: mobile phones as an example”), in Europa ci sarebbero circa 700 milioni di telefonini “ibernati”, ovvero dispositivi che non usiamo più, ma non smistati adeguatamente e spesso sepolti in un cassetto. Se venissero riciclati, si recupererebbero oltre 14.000 tonnellate di materiale, tra oro, rame, argento, litio e cobalto e si potrebbero creare milioni di posti di lavoro.

Troppo spesso però questo non avviene, con una doppia perdita: economica, se si considerano i materiali riciclabili inutilizzati, e ambientale, perché se gettati in luoghi inadeguati, i danni che questi dispositivi provocano sull’ambiente e sulla salute sono enormi. Di telefonini e rifiuti tecnologici parliamo con Antonio Galdo, giornalista attento alle buone pratiche ecologiche e autore di "Vivi lieve" (Mondadori) e del precedente "Non sprecare".

Stand: 03.12.2019, 18:21