Live hören
Jetzt läuft: Heartbeat von Lelli

"Aboliamo le Regioni"

Ascolta l'intervista ad Alessandro Somma

COSMO Radio Colonia - Beitrag 16.12.2020 06:30 Min. Verfügbar bis 16.12.2021 COSMO


Download Podcast

"Aboliamo le Regioni"

di Vincenzo Savignano e Francesca Montinaro

Dopo le chiare lacune organizzative e di gestione delle risorse mostrate dagli enti regionali nel corso dell'emergenza Covid, Alessandro Somma, docente di diritto comparato a La Sapienza di Roma, propone l'eliminazione delle Regioni fondate 50 anni fa. Ai nostri microfoni ha esposto le motivazioni della sua idea.

regioni

L'Italia e le sue 20 Regioni

Nel 1970 furono create le Regioni italiane intese come enti amministrativi e decentrati con poteri specifici su determinate materie. Lo Stato intendeva risparmiare sulla spesa pubblica, ma anche ridurre la burocrazia e avvicinare lo Stato ai cittadini: "Quelli furono gli anni in cui era molto avvertito il tema della partecipazione politica e della vicinanza delle istituzioni politiche alle persone e ai cittadini", e la creazione delle Regioni, spiega il professor Somma, rispondeva proprio a questa esigenza. Poi nel 2001 la grande riforma costituzionale che ha ampliato l'autonomia e i poteri delle Regioni riducendo al minimo il controllo dello Stato sugli atti degli enti locali, specie in materia sanitaria. Ma dopo la crisi finanziaria del 2008 lo Stato italiano si è visto costretto a tagliare risorse importanti alle Regioni. La prova del fallimento del regionalismo in questi ultimi anni è stata proprio la Sanità e l'esperienza del Coronavirus, purtroppo ancora in corso, ha evidenziato le grandi lacune da parte anche di Regioni considerate all'avanguardia a livello sanitario, come Lombardia ed Emilia Romagna. Somma, se non l'abolizione, propone quantomeno un superamento dell'attuale sistema amministrativo regionale italiano. "Ci sono ancora le provincie che hanno un senso storico decisamente più marcato, ma immagino una situazione nella quale ci sia una gestione al livello nazionale di alcuni comparti, e la Sanità è sicuramente uno di quelli", conclude Somma.

Stand: 16.12.2020, 18:26