Live hören
Jetzt läuft: Him & I von G-Eazy & Halsey

Abruzzo al centrodestra

Abruzzo al centrodestra

di Cristina Giordano e Luciana Caglioti

L'elezione di Marco Marsilio è stata spinta soprattutto dalla Lega. Ma cosa ci dice questo voto a livello nazionale? Si tratta di una conferma del successo di Matteo Salvini o di un flop del M5S? Ne parliamo con la giornalista del Sole 24 ore Barbara Fiammeri.

Abruzzen Ministerpresident Marco Marsilio mit Silvio Berlusconi

Il neogovernatore Marsilio con Berlusconi

Il neo eletto governatore in Abruzzo sarà Marco Marsilio (49%), candidato sostenuto dai partiti di centrodestra (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Azione Politica, Udc). Decisiva è stata soprattutto la volata della Lega, primo partito all’interno della coalizione di centrodestra con il 27% dei voti.

Possiamo dunque interpretare il voto regionale in Abruzzo come l’ennesima riconferma del crescente successo di Matteo Salvini? Secondo la giornalista del Sole 24 Ore Barbara Fiammeri, è un’interpretazione in parte condivisibile, anche perché il leader del Carroccio ha saputo trasformare un partito storicamente a “trazione nordista” a partito nazionale, polarizzando l’elettorato contro l’immigrazione e raggiungendo così anche le regioni del centro-sud.

Si tratta tuttavia di un risultato che riflette soprattutto la delusione degli elettori del M5S, insofferenti davanti alla forza della Lega a livello nazionale. Salvini però non si può permettere una crisi di governo proprio ora, e cercherà di allontanare l'eventualità di ricompattarsi con Silvio Berlusconi.

Stand: 11.02.2019, 18:22