Live hören
Jetzt läuft: Hold you down von Ramz

Un piano economico realizzabile?

Un piano economico realizzabile?

di Cristina Giordano e Paola Fabbri

Flat tax, reddito di cittadinanza, rinegoziazione dei trattati europei. Quanto è realizzabile il piano economico del neo governo Conte? Punto per punto ne parliamo con l'economista della Bocconi Carlo Altomonte.

Di Maio

Di Maio è Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico

Ha giurato oggi (01.06.2018) il governo 5 Stelle-Lega guidato dal premier Giuseppe Conte. In attesa della probabile fiducia, guardiamo ai progetti economici. Il cavallo di battaglia di Matteo Salvini, la flat tax con due sole aliquote fiscali, sommata a ulteriori detrazioni fiscali previste per le aziende, comporterebbe una perdita di entrate pari a circa 50 miliardi di euro. Secondo Carlo Altomonte, professore associato di Integrazione Economica Europea alla Bocconi di Milano, per cercare di coprire in parte questo buco, bisognerebbe rivedere le deduzioni fiscali fino ad ora previste (ad esempio sulla ristrutturazione edilizia), e questo è di fatto un problema politico. Politica sarebbe anche la scelta di spostare i sussidi del Fondo Sociale Europeo verso le regioni con tassi di disoccupazione più alta - ovvero da nord a sud - una manovra che potrebbe coprire parzialmente il reddito di cittadinanza voluto dal Movimento 5 Stelle.

Nessuna chance ha invece l'Italia, secondo il professor Altomonte, di rinegoziare i trattati in Europa con Savona, se non inserendosi nel dibattito già partito tra Francia e Germania sulla riforma dell'Unione monetaria, portando "proposte costruttive al tavolo". Insomma, sarà un'Italia economicamente più forte? Altomonte è lapidario: "Ho dei seri dubbi che le contraddizioni interne di un programma di governo che non ha le coperture necessarie per poter essere realizzato, possano portare a una stabilità di lungo periodo".

Stand: 01.06.2018, 18:30