Live hören
Jetzt läuft: The tears of a clown von Smokey Robinson & The Miracles

Impastato continua a lottare

Impastato continua a lottare

di Enzo Savignano e Filippo Proietti

Quarant’anni fa a Cinisi la mafia uccideva l’attivista politico e giornalista siciliano. Ma Peppino Impastato ha mostrato a tutti, siciliani e non, come si combatte la mafia. È di quest'idea anche Francesco La Licata, giornalista de la Stampa.

impastato

Una manifestazione in memeoria di Peppino Impastato

Era il 9 maggio del 1978 e Peppino Impastato, appena trentenne, veniva ucciso a Cinisi, il paese in provincia di Palermo nel quale aveva fondato Radio Aut, emittente libera e autofinanziata in cui sbeffeggiava e denunciava crimini e attività di Cosa Nostra. Dopo un lunghissimo iter giudiziario, durato decenni, per l’omicidio sono stati condannati il boss Gaetano Badalamenti e il suo vice Vito Palazzolo. La figura di Impastato, riportata alla ribalta dal film “I cento passi”, è diventata negli ultimi anni uno dei simboli dell’antimafia. Ricordiamo la figura di Impastato ma anche i risultati giunti dalla lotta alla mafia e i cambiamenti delle criminalità organizzate con Francesco La Licata, giornalista de la Stampa che sin dagli anni Settanta si è occupato di criminalità organizzata.

Stand: 09.05.2018, 18:32