Misure omogenee per tutta la Germania

Un medico effettua il test del coronavirus su una donna

Misure omogenee per tutta la Germania

di Cristina Giordano e Luciana Caglioti

Il governo federale fa pressione per ricorrere al cosiddetto freno di emergenza in maniera omogenea in tutto il paese. Per fare ciò è necessaria una riforma della cosiddetta "Infektionsschutzgesetz", la legge che regola tra l'altro l'intervento delle misure in caso di pandemia.

Pandemia in Germania

Il numero di persone che hanno contratto il Covid continua ad aumentare. Il Robert Koch Institut ha registrato più di tre milioni di contagiati dall'inizio della pandemia. Sale anche l'incidenza settimanale arrivata a 136,4 nuovi contagi su 100mila abitanti.

Riforma della "Infektionsschutzgesetz"

Il governo federale fa pressione per ricorrere al cosiddetto freno di emergenza in maniera omogenea in tutto il paese e non come inizialmente previsto limitandosi a singole circoscrizioni, lasciando la decisione ai Länder. Per fare ciò è necessaria una riforma della cosiddetta "Infektionsschutzgesetz", la legge che regola tra l'altro l’attuazione delle misure in caso di pandemia. Questo renderebbe le misure più comprensibili a accettabili per i cittadini, ha detto il vicecancelliere Olaf Scholz (Spd).

La legge dovrebbe tra l'altro introdurre la possibilità di coprifuoco tra le 21:00 e le 5.00 del mattino e dovrebbe andare in discussione questa settimana al Bundestag. Ma c'è ancora una notevole resistenza da parte dell'opposizione. Ralph Brinkhaus, capogruppo al Bundestag per l'Unione, si è appellato all’opposizione per una veloce approvazione della riforma.

Tampone obbligatorio nelle aziende

La coalizione di governo sembra aver trovato un accordo sul piano del ministro federale del lavoro Hubertus Heil, Spd di introdurre il tampone obbligatorio nelle aziende. Secondo Heil, chiunque abbia molti contatti con i clienti o lavori in ambito alimentare dovrebbe avere diritto a due test fai-da-te a settimana. Un appoggio al ministro del lavoro viene anche da parte dei sindacati.

Ricercatori contrari alle misure restrittive all’aperto

Per i ricercatori della società tedesca di ricerca sull’aerosol (le particelle piccolissime sospese nell'aria), sarebbe molto più difficile contrarre il virus all'aperto piuttosto che in luoghi chiusi. In una lettera aperta al governo federale chiedono di rivedere le misure restrittive, rendendole più rigide nei luoghi chiusi, come nelle case di cura per anziani, scuole e mezzi pubblici. E alleggerendo le restrizioni all'aperto.

In arrivo anche Curevac

Sul fronte vaccinazioni l'azienda farmaceutica di Tubinga Curevac, ha annunciato che si prevede un'autorizzazione del vaccino tedesco anticovid da parte dell'agenzia europea del farmaco (Ema), già per maggio o giugno. 

La pandemia in Italia

L'Italia da oggi è quasi tutta in zona arancione. Solo quattro regioni sono in rosso: Campania, Puglia, Sardegna e Val d'Aosta.

Nelle zone arancioni i negozi possono riaprire ed è di nuovo consentito visitare amici e parenti nella propria città. Bar e ristoranti rimarranno invece chiusi fino alla fine del mese, e sarà consentito solo l'asporto.

Un discusso ritorno a scuola

In Italia gli studenti sono ritornati a scuola a fare lezione in presenza. Fa eccezione la Sardegna, dove gli alunni di seconda e terza media e delle scuole superiori lasceranno le aule e si collegheranno da casa.

Il ministro della Salute, Speranza avverte di "non bruciare le tappe", ma difende la ripartenza delle scuole. E se il calo dei contagi, anche grazie alle vaccinazioni, sarà confermato, il governo sarà pronto ad anticipare le riaperture.

Vaccinazioni in Italia

Entro maggio dovrebbero essere vaccinati tutti gli over 60. Questa settimana arriverà in Italia per la prima volta il vaccino di Johnson&Johnson. Entro mercoledì, inoltre, Pfizer dovrebbe consegnare all'Italia oltre un milione di dosi. Sempre per l’inizio della settimana è prevista anche la consegna da parte di Moderna di circa 400 mila dosi, sufficienti per aumentare il ritmo della campagna, sempre che le promesse siano rispettate.

Stand: 12.04.2021, 18:22