Live hören
Jetzt läuft: Guaracha U.F.O (Versión Rebajada) von Meridian Brothers

Vaccino in Germania, tra obbligo e scetticismo

COSMO italiano 03.03.2022 18:33 Min. Verfügbar bis 03.03.2023 COSMO Von Luciana Caglioti


Download Podcast

Vaccino in Germania, tra obbligo e scetticismo

Stand: 03.03.2022, 18:00 Uhr

di Luciana Caglioti, Vincenzo Savignano, Cristina Giordano e Daniela Nosari

Dal 16 marzo scatta l’obbligatorietà del vaccino anticovid nel settore medico-sanitario tedesco. Ma sull’estensione dell'obbligo a tutti i cittadini non c’è accordo. E continuano le proteste no vax in Germania: fra loro anche scettici vicini al mondo dell'antroposofia. Con il medico Salvo Di Grazia parliamo di medicina antroposofica in Italia.

medici

Medici e infermieri in prima linea contro il Covid

L’obbligo per medici e infermieri in Germania


Entro il 15 marzo 2022 tutti i medici, infermieri e paramedici che in Germania lavorano in cliniche, ospedali e studi privati, ma anche nelle case di cura, dovranno presentare la documentazione che attesti la copertura vaccinale o almeno la guarigione da un’infezione da Covid.

Entra infatti in vigore la legge approvata dal Bundestag a dicembre 2021. L'introduzione dell’obbligo vaccinale nel settore sanitario ed ospedaliero venne motivata con parole inequivocabili dal ministro della Sanità, Karl Lauterbach (SPD), che aveva definito inaccettabile il fatto che tanti pazienti morissero solo perché esposti al rischio del contatto con personale sanitario non vaccinato contro il Covid nelle strutture sanitarie e nelle case di riposo.

Differenze tra Länder

Nel Baden-Württemberg, Assia, Bassa Sassonia e Saarland il 98% tra medici, infermieri e personale sanitario è ormai stato vaccinato, mentre due terzi di loro hanno già ricevuto la terza dose booster. La Baviera inizialmente si era opposta all’obbligatorietà, ora punta invece ad un’introduzione graduale. Ma anche qui la percentuale di vaccinati nel settore sanitario è molto alta.

In Sassonia e Turingia, dove la percentuale di vaccinati fra medici e infermieri è decisamente più bassa, nelle scorse settimane sarebbero scesi in piazza per protestare contro quest'obbligo anche diversi infermieri e alcuni medici. Mentre secondo la tv pubblica tedesca alcuni medici e soprattutto infermieri e altri dipendenti di case di cura per anziani inizialmente scettici, poco convinti del vaccino, avrebbero poi cambiato idea.

Obbligo vaccinale per tutti?

A inizio dicembre 2021 il cancelliere tedesco Olaf Scholz aveva annunciato che nelle settimane successive il suo governo avrebbe sottoposto al Parlamento una proposta di legge per introdurre nel paese l’obbligo vaccinale per tutte le persone con almeno 18 anni. L’obbligo, simile a quello introdotto dall'Austria, sarebbe dovuto entrare in vigore a marzo. La proposta era stata inizialmente accolta con favore da quasi tutti i partiti, compresa la CDU dell’ex cancelliera Angela Merkel, ora all’opposizione, e si pensava che non sarebbe stato difficile approvarla.

In realtà la discussione delle legge è iniziata in Parlamento solo mercoledì 16 febbraio. Per un'eventuale approvazione ci potrebbe volere più di un mese, attualmente il tema tornerà all'ordine del giorno al Bundestag a metà marzo.

Le diverse ipotesi di obbligo vaccinale

Se passasse la proposta del governo, l’obbligo vaccinale per tutta la popolazione con più di 18 anni entrerebbe in vigore solo per la fine di marzo, quando si prevede che il numero di contagi da coronavirus dovuti alla variante omicron sarà in fase calante. Peraltro, per allora il governo prevede che saranno rimosse quasi tutte le restrizioni introdotte nei mesi scorsi per contenere i contagi, tra cui quelle che limitano gli incontri tra vaccinati o guariti a 10 persone, e quelle che impongono che in ristoranti, bar, cinema e teatri non possano accedere i non vaccinati.

Ad oggi il 75 per cento dei tedeschi (su 83 milioni di abitanti) ha completato il ciclo di vaccinazione, e il 57 per cento ha ricevuto una dose di richiamo. Oggi, 3 marzo, Brema ha raggiunto come primo Land quota 90% di vaccinati con una prima dose. Intanto in molte regioni tedesche sono partite le vaccinazioni con Novavax, un vaccino non di nuova generazione, che potrebbe superare le resistenze di alcune persone non vaccinate nei confronti dei vaccini di tipo mRNa finora utilizzati.

Gli scettici del vaccino in Germania

demo

Una manifestazione di infermieri

Gli scettici o contrari al vaccino contro il Covid in Germania appartengono a tante realtà diverse. Ma interessante dal punto di vista socioculturale è uno studio della Bertelsmann Stiftung che ci presenta Cristina Giordano.

Uno studio della Heinrich Böll Stiftung, inoltre, ha indagato inoltre i legami fra il mondo antroposofico e il rifiuto delle misure anticovid.

La medicina antroposofica in Italia

Ma in cosa consiste la medicina antroposofica? Ne abbiamo parlato con Salvo Di Grazia, medico, autore del blog „medbunker“ e del libro „Salute e bugie“, edito da Chiarelettere.