Live hören
Yemisi Fancy & Niniola - JOLO

L'ombra nera della NSU

Ascolta l'intervista a Giovanni De Ghantuz Cubbe

COSMO Radio Colonia - Beitrag 04.11.2021 05:02 Min. Verfügbar bis 04.11.2022 COSMO


Download Podcast

L'ombra nera della NSU

di Giulio Galoppo e Luciana Caglioti

Sono passati dieci anni esatti da quel 4 novembre 2011, quando la polizia ritrova i corpi di Uwe Mundlos e Uwe Böhnhardt. I due, insieme a Beate Zschäpe, avevano fondato la cellula nazista NSU, Nationalsozialistischer Untergrund. A Radio Colonia, il ricercatore di teoria politica Giovanni De Ghantuz Cubbe ci parla degli aspetti tutt’oggi controversi di questa vicenda.

Beate Zschäpe

Beate Zschäpe

Tra il 1997 e il 2011, la cellula terroristica NSU ha ucciso per razzismo 10 persone, 8 di origine turca, un greco e anche una poliziotta tedesca. A distanza di dieci anni dalla fine di questa brutale serie di omicidi, sono ancora molte le zone d’ombra e le domande aperte.

Giovanni De Ghantuz Cubbe, ricercatore all’Università di Dresda, ai microfoni di Radio Colonia sottolinea come l’aspetto più controverso in questa vicenda sia il ruolo delle istituzioni: la polizia, che afferma di non essere stata a conoscenza di nulla fino a quel 4 novembre di dieci anni fa, i servizi segreti, per i quali si presume un coinvolgimento nelle attività della cellula terroristica e, infine, i giudici che hanno lasciato molte domande senza risposta.

Oggi, la Germania assiste a un ritorno dell’estremismo di destra e a una conseguente crescita degli episodi di violenza estremista, i cui moventi, fa notare De Ghantuz Cubbe, non vanno ricercati solo nell’antisemitismo, che rappresenta sicuramente una costante, bensì anche nell’odio contro l’Islam, nella xenofobia e nell’avversione contro la migrazione e i rifugiati.

Stand: 04.11.2021, 18:30