Live hören
Jetzt läuft: Grains Of Wisdom von Mariama

Per ora niente procedura d'infrazione

Ascolta l'intervista a Stefano Lepri

COSMO Radio Colonia - Beitrag 19.12.2018 04:35 Min. Verfügbar bis 19.12.2019 COSMO

Download Podcast

Per ora niente procedura d'infrazione

di Enzo Savignano e Filippo Proietti

L'Europa non prende provvedimenti per debito eccessivo contro l'Italia. Ma la soluzione, assicurano da Bruxelles, non è "ideale". Il premier Conte assicura che saranno rispettati gli impegni con gli italiani e con l'Ue. Il commento dell'editorialista de La Stampa, Stefano Lepri.

Giuseppe Conte und Jean-Claude Juncker

Giuseppe Conte e Jean-Claude Juncker

La Commissione europea ha deciso di non avviare la procedura per deficit eccessivo nei confronti dell'Italia. Un "accordo non perfetto" perché "non risolve i problemi economici dell'Italia a lungo termine", secondo il vicepresidente dell'esecutivo europeo Valdis Dombrovskis, che ha motivato la decisione assieme al commissario Pierre Moscovici. "Le misure addizionali trovate dall'Italia ammontano a 10,25 miliardi di euro", ha sottolineato Dombrovskis, ricordando che l'intesa ha evitato la procedura d'infrazione "a condizione però che tali misure vengano attuate pienamente". La Commissione ha in sostanza deciso di soprassedere sull'avvio della procedura in attesa di ulteriori verifiche da compiere nelle prossime settimane. Si tornerà poi a fare il punto della situazione a gennaio, una volta che la legge di bilancio sarà stata approvata dal Parlamento. Il premier Giuseppe Conte ha riferito al Senato sulla manovra. "Il reddito di cittadinanza e quota 100 partiranno nei tempi previsti", ha assicurato il presidente del Consiglio. Anche il giornalista de La Stampa Stefano Lepri è dell'idea che "bisognerà aspettare il prossimo anno per verificare le intenzioni del governo".

Stand: 19.12.2018, 18:30