Live hören
Jetzt läuft: Iron lion Zion von Bob Marley

La strategia delle Sardine

Ascolta l'intervista a Mattia Santori

COSMO Radio Colonia - Beitrag 18.11.2019 06:39 Min. Verfügbar bis 17.11.2020 COSMO

Download Podcast

La strategia delle Sardine

di Cristina Giordano e Filippo Proietti

La società civile scende in piazza, ma senza partiti o bandiere. Tutti contro un unico avversario: il populismo di Matteo Salvini. Mattia Santori ci racconta come è nato il movimento delle "Sardine" che partito da Bologna, sta stravolgendo la narrativa politica italiana.

Die Demo organisiert von der Bewegung "6000 Sardine", Bologna, Italien

Un'immagine della manifestazione di Bologna

L'idea è nata in una serata tra amici: un flashmob di risposta a Matteo Salvini e alla Lega, impegnata a Bologna nella campagna elettorale per le regionali in Emilia Romagna (26 gennaio 2020). Nasce così "6000 Sardine“, un movimento di resistenza pacifica per portare in piazza Maggiore più persone rispetto alla capienza massima del Paladozza (pari a 5.570), dove il leader della Lega contemporaneamente tiene un comizio.

Die Gründer der Bewegung "6000 Sardine", Mattia Santori, Giulia Trappoloni, Roberto Morotti und Andrea Garreffa

Da sinistra Mattia Santori, Giulia Trappoloni, Roberto Morotti e Andrea Garreffa

Gli ideatori Mattia Santori, 32 anni, ricercatore sul tema dell’energia e della sostenibilità, Giulia Trappoloni, fisioterapista, Andrea Garreffa, amante della bicicletta e guida turistica e Roberto Morotti, ingegnere, ci sono riusciti e giovedì 14 novembre, grazie al tam tam dei social e al passa-parola locale hanno portato in piazza Maggiore oltre 10.000 persone, strette come le "sardine in un barattolo ".

Mattia Santori ai nostri microfoni racconta l’urlo silenzioso di questa fetta della società civile, che scende in piazza senza bandiere politiche ma con un unico avversario: il populismo di destra di Salvini. Dove andrà questo movimento? "La prima grande fase era scatenare una reazione all’indifferenza che ci ha accompagnato in questi anni" dice Mattia Santori, il futuro sarà fondare un movimento politico o semplicemente continuare con le "Sardine" a chiedere più concretezza alla politica.

Il prossimo appuntamento delle "Sardine" è questa sera, 18 novembre a Modena. Sulla pagina Facebook dell’evento si legge "Abbiamo voluto organizzare il flashmob in un luogo simbolo: Piazza Grande, davanti alla Sinagoga. Dopo che la Lega non ha votato la commissione contro il razzismo e l'antisemitismo, dopo che la Lega non si è voluta alzare ed applaudire una Senatrice sopravvissuta ai campi di Sterminio". Ma l’idea delle "Sardine" è stata adottata anche da altri gruppi in altre regioni italiane: il 21 novembre saranno a Sorrento, il 28 novembre a Genova, e il 30 novembre a Firenze.

Stand: 18.11.2019, 18:15