Live hören
Jetzt läuft: Sticks n Tones von Wanlov the Kubolor

Ecco le nuove misure anticovid

anticovid

Ecco le nuove misure anticovid

di Francesco Marzano e Vincenzo Savignano

I nuovi accordi raggiunti ieri tra Bund e Länder sulle regole per la gestione della pandemia causata dal coronavirus: le norme attuali in vigore fino al 20 dicembre, ma qualche eccezione per le festività natalizie.

Ieri (25 novembre) Bund e Länder si sono accordati sulle misure anticovid per il mese di dicembre. Ci sono alcune differenze fra Land e Land, è quindi sempre consigliato informarsi sulle pagine ufficiali della regione tedesca in cui vivete.

Le misure decise per dicembre 2020

- L'attuale lockdown parziale è prolungato fino al 20 dicembre, con chiusura di ristoranti, alberghi e centri culturali-ricreativi;

- le scuole rimangono aperte;

- meno posti sui treni, che dovranno essere riservati per garantire distanza di sicurezza. In compenso corse più frequenti;

- obbligo di mascherina esteso anche alle aree antistanti ai negozi e nei parcheggi;

- nuove limitazioni agli ingressi nei negozi;

- ci si può incontrare al massimo in 5 persone, appartenenti al massimo a due nuclei familiari.

Eccezioni a Natale e Capodanno

Pur rimanendo valida la raccomandazione del governo tedesco di limitare il più possibile gli incontri non necessari, per le feste le misure risultano leggermente allentate.

ATTENZIONE: dal 23 dicembre al 1 gennaio 2021 si potranno incontrare più persone, fra famiglia e amici stretti, ma fino ad un massimo di 10 persone. I bambini fino a 14 anni non rientrano nel conto.

Alcune norme specifiche in alcuni Länder

- La Baviera ha deciso oggi (26.11.20) l’obbligo di quarantena a chi fa escursioni anche di un solo giorno in zone a rischio all’estero;

- l’Assia propende per un ulteriore alleggerimento delle misure, e vorrebbe consentire il pernottamento in Hotel nei giorni di Natale proprio per consentire visite ai parenti, qualora non vi sia altra possibilità di pernottamento privata.

Anche lo Schleswig-Holstein, che conta meno casi rispetto al resto della Germania, non intende applicare tutte le norme decise dal Bund.

Merkel spera nel vaccino a metà dicembre

Su un punto però tutti i Länder e tutti i partiti sono d'accordo: nella certezza che questa pandemia avrà una fine e nella speranza che i vaccini arrivino presto.

"Può darsi che i vaccini arrivino prima di Natale", ha sottolineato la cancelliera Angela Merkel al Bundestag, aggiungendo che inizialmente "saranno a disposizione del personale medico e sanitario ".

Merkel vede la luce in fondo al tunnel ma resta, come sempre, molto cauta nelle sue dichiarazioni: "Ci aspetta un inverno molto difficile, non tutti potrano subito essere vaccinati e in tanti dovranno resistere".

Secondo i media tedeschi, che hanno citato fonti del cancellierato, è molto difficile che a livello federale si possa tornare sotto la soglia dei 50 contagi settimanali per 100.000 abitanti entro marzo, quota che, una volta superata, fa scattare le misure restrittive.

Le critiche al nuovo piano

Ha sollevato dubbi sugli accordi raggiunti, ad esempio, il presidente dell’Associazione delle Città tedesche (Städtetag) Burkhard Jung, che ha parlato di mancanza di lungimiranza.

"Ci saremmo aspettati più chiarezza e per un periodo più lungo. Sono misure giuste, ma non sufficienti", ha commentato il presidente dell’Associazione degli Insegnanti Heinz-Peter Meidinger, riferendosi alle misure igieniche più severe, alla mascherina in aula già dalla quinta classe e alla didattica a distanza per i più grandi negli hotspot.

La soglia critica delle 200 nuove infezioni però sarebbe troppo alta: le misure più severe dovrebbero scattare già prima, dice Meidinger.

E, infine, critiche alla strategia del governo arrivano anche dai Verdi e dalla FDP. Christian Lindner, FDP, in riferimento ai costi sociali ed economici della lotta alla pandemia, ha definito la strategia insostenibile.

ll ministro delle Finanze Olaf Scholz (SPD), intanto, ha annunciato nuovi aiuti da parte dello Stato alle piccole e medie imprese, ma anche al settore fieristico e alla cultura: si tratterebbe di 17 miliardi per dicembre che si aggiungeranno ai 14 di novembre.

Stand: 26.11.2020, 18:22