Live hören
Jetzt läuft: I Say A Little Prayer von Aretha Franklin

Una percezione ostile

Una percezione ostile

di Agnese Franceschini e Filippo Proietti

Tra gli europei, gli italiani sono quelli che più sovrastimano la percentuale di migranti presenti nel proprio paese, mostrando il «maggior livello di ostilità verso l’immigrazione e le minoranze religiose». Lo dice uno studio dell'Istituto Cattaneo.

Migrante auf einem Schlauchboot

Secondo lo studio condotto a livello europeo, gli intervistati italiani sono quelli che mostrano un maggior distacco percettivo tra la percentuale di immigrati realmente presenti in Italia (7,6%) e quella stimata, pari al 25%. Una differenza di circa il 17 punti percentuali che denota un atteggiamento ostile che potrebbe derivare anche da pregiudizi. In Germania la differenza tra percezione e realtà è, invece, solo del 4%. Il coordinatore della ricerca, Marco Valbruzzi, fa notare ai microfoni di Radio Colonia come, accanto a fattori strutturali come l'omogeneità della società italiana, ci siano anche dei fattori mediatici, come l'insistere sulle immagini degli sbarchi. Ci sarebbero inoltre "partiti politici che hanno saputo cavalcare queste ondate di arrivi in Italia e rendere ancora più presente della realtà effettiva il tema della migrazione."

Stand: 30.08.2018, 18:00