Live hören
Jetzt läuft: The next episode von Dr. Dre feat. Snoop Dogg

Riprendono le partenze

Riprendono le partenze

di Giulio Galoppo e Filippo Proietti

393 migranti riportati nell’inferno libico e 170 morti in naufragi durante il tentativo di traversata del Mediterraneo. Tra loro molte donne e bambini. Questo il drammatico resoconto dello scorso fine settimana. E Salvini esulta: “La collaborazione funziona.”

Schiffsunglück

In balìa del mare

È definitivamente interrotto il dialogo con i libici che l’Italia, ai fini di gestire insieme il problema dei migranti nel rispetto dei diritti umani, aveva avviato prima dell’arrivo di questo governo. Roma dimostra di non avere a cuore il destino degli stranieri che si trovano in Africa o di quelli che ci vengono riportati dopo essere stati soccorsi.

Secondo Fiorenza Sarzanini, giornalista de Il Corriere della Sera, intervistata a Radio Colonia, è questo uno dei motivi che induce gli stessi libici a far esplodere nuovamente l’emergenza, nel tentativo di poter presentare nuove richieste o comunque ottenere risposte su quelle già presentate, siano esse le dieci barche regalate dal ministro Toninelli, ma mai inviate alla Libia, o l’autostrada, che dovrebbe attraversare l’intero Paese, promessa da Berlusconi a Gheddafi.

Nel frattempo, i fondali del Mediterraneo accolgono sempre più corpi senza vita di chi, sperando in un’esistenza più dignitosa, si è messo nelle mani di chi a quell’esistenza non dà nessun valore.

Stand: 21.01.2019, 18:48