Live hören
Jetzt läuft: Humains von Damso

L'utopia di un'Europa federale

Ascolta l'intervista a Giuseppe Di Taranto

COSMO Radio Colonia - Beitrag 01.09.2021 06:10 Min. Verfügbar bis 01.09.2022 COSMO


Download Podcast

L'utopia di un'Europa federale

di Vincenzo Savignano e Filippo Proietti

In questi giorni si celebrano gli 80 anni del manifesto di Ventotene di Ernesto Rossi ed Altiero Spinelli, ma la loro idea di Europa ancora non è stata realizzata. Perché? Ha risposto a questa e ad altre domande il professore Giuseppe Di Taranto.

manifesto

La bandiera europea

Mentre il nazifascismo dilagava e terrorizzava l'Europa, nel 1941 tre uomini, confinati sulla piccola isola di Ventotene, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni, antifascisti, immaginarono in un programma il futuro di una nuova Europa federale, fondata sui valori della solidarietà sociale e politica. Raccolsero queste loro idee in uno scritto, il "progetto di Manifesto", passato alla storia come il "Manifesto di Ventotene". Ecco perché Altiero Spinelli e i suoi compagni di confino vengono considerati i padri di tutti gli europeisti, i pionieri dell'idea di Europa e dell'Unione europea. Ma quell'idea come la descrivono nel loro scritto ancora non si è realizzata completamente.

"Il valore fondante di quel Manifesto è la solidarietà, valore che fu anche espresso da Schuman, De Gasperi, Adenauer nel preambolo istitutivo della Ceca", ricorda ai nostri microfoni Giuseppe Di Taranto, professore emerito di Storia dell'economia alla Luiss di Roma. Secondo Di Taranto, difficilmente si ruscirà a realizzare un'Europa federale, con politica estera e difesa comune. L'Unione europea di oggi rischia il tracollo economico a causa della pandemia, le istituzioni di Bruxelles hanno risposto con un importante piano di aiuti finanziari e investimenti, con cui hanno chiuso la pagina dell'austerity, sottolinea Di Taranto, "che ha creato molti danni all'economia europea".

Ma secondo Di Taranto il rischio è che la politica dell'austerity possa tornare nel 2026, ed è dunque fondamentale che in questi anni, già entro il 2023, siano cambiati i parametri del rapporto deficit/pil al 3% e quello del debito/pil al 60%, altrimenti difficilmente l'economia europea potrà rialzarsi.

Stand: 01.09.2021, 18:14