Live hören
Jetzt läuft: Sementes von Emicida & Drik Barbosa

Covid-19: ricordare le vittime

Ascolta l'intervista a Marina Sozzi

COSMO Radio Colonia - Beitrag 11.02.2021 05:31 Min. Verfügbar bis 11.02.2022 COSMO


Download Podcast

Covid-19: ricordare le vittime

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Il tema più scomodo e difficile in questa pandemia. Come elaborare la perdita di un proprio caro durante la pandemia? E la perdita di decine di migliaia di persone come società? Ne parliamo con la tanatologa Marina Sozzi, studiosa delle cause e dei fenomeni relativi alla morte.

morti

Steinmeier accende una candela per le vittime del Covid-19

"Tutte le sere riceviamo il numero dei morti. E questo numero è soltanto l'indicatore dell'andamento dell'epidemia, e però dietro questi numeri ci sono le persone e le storie". Così la studiosa Marina Sozzi descrive e riassume la condizione di milioni di persone, in tutta Italia, ma anche in Germania, Europa e nel mondo, che sono state travolte dalla tragedia della pandemia. Molti hanno perso i loro cari e spesso, a causa delle restrizioni anti coronavirus, non hanno avuto la possibilità di salutare per l'ultima volta il loro caro e tanto meno organizzare un funerale per il parente o caro amico defunto. Per questo anche Sozzi auspica che quando l'emergenza sanitaria terminerà si organizzino "molteplici commemorazioni di questi morti, a livello istituzionale, con una cerimonia per tutto il Paese, ma anche altre commemorazioni che riguarderanno i luoghi di vita e di lavoro".

Il 18 aprile, come ha sottolineato il presidente della Repubblica federale tedesca Frank Walter Steinmeier, sarà la giornata in cui la Germania vorrà ricordare i defunti della pandemia. In Italia già a giugno 2020 il presidente Mattarella aveva ricordato in particolare le vittime di Bergamo, città molto colpita dal Covid-19. E il 18 marzo 2021 sarà la prima giornata nazionale per ricordare tutte le vittime della pandemia: in quel giorno del 2020 gli autocarri militari hanno lasciato Bergamo per la prima volta con sessantacinque bare che non potevano più essere gestite dal cimitero cittadino. Nello stesso mese potrebbe anche essere istituita una giornata nazionale in memoria dei professionisti e degli operatori sanitari e sociosanitari vittime dell'epidemia di coronavirus.

Stand: 11.02.2021, 18:20