Live hören
Jetzt läuft: No roots von Alice Merton

Europee: niente liste transnazionali

Ascolta il servizio di Enzo Savignano

COSMO Radio Colonia - Beitrag 24.04.2019 04:45 Min. Verfügbar bis 23.04.2020 COSMO

Download Podcast

Europee: niente liste transnazionali

di Enzo Savignano

Lo ha stabilito il Parlamento europeo, respingendo la proposta che avrebbe potuto rendere più democratici i processi decisionali delle istituzioni dell'UE. Ma c'è chi a questo progetto non rinuncia.

Europäisches Parlament mit Fahnen

L’idea prevedeva una piccola parte di parlamentari eletti direttamente su scala europea, candidati che potevano presentarsi con liste europee ed essere votati in tutti i Paesi membri. Questa era la proposta di Sandro Gozi, sottosegretario agli affari europei nel governo Renzi e successivamente in quello Gentiloni. Nonostante il "no" del Parlamento europeo, Gozi ha deciso di candidarsi fuori dall'Italia, esattamente in Francia con la lista di Emmanuel Macron. Perché questo, infatti, è possibile. Ci sono altri esempi di candidature transnazionali: Luciana Castellina, figura storica della sinistra italiana, a quasi 90 anni si candiderà con Syriza, il partito al governo in Grecia. Mentre in Germania l’ex ministro delle finanze greco, Yanis Varoufakis, parteciperà al voto con il suo Movimento Democrazia in Europa 2025 DiEM25. Anche Federica Pesce e Tobias Lechtenfeld credono fermamente in una politica europea transnazionale. Sono due tra i rappresentanti e fondatori di Volt Europa, il primo partito paneuropeo che rischia però di essere fermato sul nascere dai differenti sistemi elettorali dei 28 paesi membri.

Stand: 24.04.2019, 18:09