Esplosione Leverkusen: cosa sappiamo

Ascolta l'intervista a Cristina Giordano

COSMO Radio Colonia - Beitrag 28.07.2021 05:39 Min. Verfügbar bis 28.07.2022 COSMO


Download Podcast

Esplosione Leverkusen: cosa sappiamo

di Cristina Giordano

All’indomani dell’incidente al parco chimico di Leverkusen si cercano ancora i 5 dispersi. Poche le speranze di trovarli in vita. Ancora sconosciute le cause. La procura indaga per omicidio colposo e negligenza. Il punto di Cristina Giordano.

Leverkusen, Explosion, Chempark,

La zona attorno all'esplosione

L’incidente

Ieri mattina (27 luglio) un’esplosione è avvenuta nel polo chimico «Chempark». La colonna di fumo è stata avvistata anche a diversi chilometri di distanza. Il bilancio è attualmente di due morti, 31 feriti, di cui uno grave, e si cercano ancora 5 dispersi. Secondo i vertici di Currenta, l’aziendaresponsabile delle infrastrutture del parco chimico, incluso lo smaltimento dei rifiuti chimici e tossici, dove sarebbe avvenuto l’incidente, ci sarebbero poche probabilità di trovarli ancora in vita.

Le cause

Ancora sconosciuta la dinamica dell’accaduto. Confermato invece il luogo dell’esplosione, nei pressi del’inceneritore (per rifiuti chimici) del parco chimico. Nel quartiere di  Bürrig, a Leverkusen. Durante la conferenza stampa di questo pomeriggio, Frank Hyldmar, presidente del consiglio di amministrazione di Currenta ha dichiarato:

«Lavoriamo per capire l’origine, ma è ancora troppo presto per parlare. Appena ne sapremo di più, vi informeremo. Vogliamo chiarire come sia potuto succedere un simile incidente.»

Currenta è l’azienda responsabile delle infrastrutture del parco chimico, incluso lo smaltimento dei rifiuti chimici e tossici. Quindi dove sarebbe avvenuto l’incidente. Domani (29 luglio), gli investigatori del Dipartimento di polizia criminale di Colonia, insieme a un esperto e ai dipendenti dell'azienda Currenta, visiteranno il luogo dell'incidente per poter avere un primo quadro dell’accaduto. Finora, non è assolutamente chiaro cosa abbia causato la grave esplosione di ieri mattina.

Il pericolo per gli abitanti

Rientrato l’allarme sulla tossicità nell’aria. Ma si attendono i risultati delle analisi del terreno condotte dall'Agenzia per l'ambiente del Nordreno-Vestfalia (LANUV), che dovrebbero arrivare domani. Secondo un portavoce di LANUV si ipotizza che la nuvola di fumo possa aver trasportato nelle zone adiacenti al parco chimico composti di diossina, generati dalla combustione dei solventi clorurati, contenuti nella cisterna esplosa.

I solventi clorurati sono sostanze chimiche usate nell’industria tessile, della gomma, nella pulitura di metalli o pelli. E generalmente sono a elevata tossicità.

Ma il rischio per la popolazione è ancora da valutare, poiché dipende dal livello di concentrazione di questi composti di diossina. Sappiamo però da altri gravi incidenti che, se in alta concentrazione, questi composti possono generare deformità nei cuccioli degli animali, e possono risultare cancerogeni nell'uomo. Ecco perché in via precauzionale al momento è stato consigliato ai cittadini di fare attenzione a causa delle particelle di fuliggine cadute sul terreno.

Le precauzioni

Per chi abita a Leverkusen e dintorni l’invito è a non mangiare frutta e verdura del proprio orto. Non usare il giardino. Se ci si reca in giardino bisogna usare guanti lasciati poi appositamente fuori dalla propria abitazione. Così come le scarpe.

La testimonianza

Carlo Campani, traduttore e interprete che si trovava ieri a Leverkusen, sull’esplosione racconta:

«L’abbiamo sentita molto bene perché mi trovavo vicino alla stazione, più o meno a un chilometro in linea d’aria. Abbiamo sentito anche le vibrazioni. Abbiamo visto subito questa colonna di fumo salire, prima bianca poi nera. Era chiaro che era abbastanza grave.»

Il Chempark

Il Chempark di Leverkusen è uno dei parchi chimici più grandi d’Europa (oltre al sito di Leverkusen comprende anche i siti di Dormagen e Krefeld). A  Leverkusen vengono prodotte e smaltite 5000 sostanze chimiche diverse. Smaltiti qui anche rifiuti chimici ritenuti pericolosi. Solo Leverkusen si estende per 480 ettari, vi lavorano 200 aziende e 31.500 dipendenti. La città di Leverkusen si è urbanistiscamente sviluppata proprio attorno al polo chimico. Carlo Campani ha lavorato per 9 anni per Currenta – e ha accompagnato spesso visitatori Italiani all’interno del “Chempark”.

«Non è mai capitato niente. In questi 9 anni non è mai successo un incidente, va detto.»

Aperta l’inchiesta

Il tribunale accerterà se sono state rispettate tutte le misure di sicurezza. Nel frattempo il tribunale di prima istanza di Colonia ha attivato un gruppo di lavoro per le prime indagini: l’ipotesi di reato formulata dalla procura è di «omicido colposo e negligenza che avrebbe causato un’esplosione verso ignoti».

Per informazioni ai cittadini, il numero dell'amministrazione comunale di Leverkusen è il seguente: 0214-2605 99333. Se vi trovate a Leverkusen, e volete lasciare la vostra testimonianza, potete farlo inviandoci una mail a radiocolonia@wdr.de

Stand: 28.07.2021, 18:35