Live hören
Jetzt läuft: Omhona - Omhona EDIT von Alhaji Waziri Oshomah

Dall’idrogeno la svolta energetica per la Germania?

COSMO italiano 29.08.2022 19:37 Min. Verfügbar bis 29.08.2023 COSMO Von Filippo Proietti


Download Podcast

Dall'idrogeno la svolta energetica per la Germania?

Stand: 29.08.2022, 18:00 Uhr

a cura di Filippo Proietti, Giulio Galoppo e Cristiano Cruciani

Germania e Canada hanno firmato un accordo per promuovere l'economia dell'idrogeno su entrambe le sponde dell'Atlantico. Giulio Galoppo illustra i termini dell’accordo. Molti esperti ritengono che l’idrogeno non sia la soluzione alla crisi energetica. Il perché ce lo ha spiegato Leonardo Setti, professore all’Università di Bologna. Nel frattempo, BMW ha annunciato di volere avviare la produzione in massa di auto a idrogeno a partire dal 2025, come conferma Jürgen Guldner, direttore del progetto presso BMW.

Justin Trudeau und Olaf Scholz in Montreal

Justin Trudeau e Olaf Scholz a Montreal

L’accordo sull’idrogeno tra Germania e Canada

Il cancelliere Olaf Scholz e il suo vice, nonché ministro dell’economia e della protezione climatica, Robert Habeck sono tornati dal Canada con un accordo che garantisce alla Germania il rifornimento di idrogeno verde da energie rinnovabili. Il Canada dispone, infatti, di condizioni eoliche ideali per questo scopo a Terranova. Ed è proprio sull’isola di Terranova, a Stephenville, che, martedì scorso, è stato firmato l’accordo tra i due Paesi, con lo scopo di rafforzare la cooperazione nella produzione e nel trasporto dell'idrogeno. A Stephenville, un grande parco eolico darà presto impulso alla produzione di idrogeno verde - e gran parte di esso sarà esportato in Germania. Ma non è tutto. Il Canada di Trudeau si è impegnato anche a esaminare le forniture di gas naturale liquefatto alla Germania e all'Europa.

Il memorandum d'intesa mira a promuovere l'economia dell'idrogeno su entrambe le sponde dell'Atlantico. L'obiettivo è creare una catena di approvvigionamento di idrogeno prima del 2030. Le prime esportazioni in Germania sono previste tra tre anni, nel 2025.

Il Canada vuole investire miliardi nello sviluppo di tecnologie e infrastrutture. Il governo federale, dal canto suo, intende sostenere gli importatori nazionali nella creazione di un corridoio commerciale internazionale. Entrambi i Paesi vogliono anche cooperare più strettamente nella ricerca e nello sviluppo. È necessario creare standard uniformi per la produzione di idrogeno. Si intende inoltre promuovere la cooperazione tra i porti delle due sponde dell'Atlantico. Scholz e Trudeau hanno sottolineato che l'accordo creerà posti di lavoro, stimolerà l'economia locale e contribuirà alla produzione di energia pulita. Le aziende tedesche pianificano progetti insieme a quelle canadesi e quest’ultime realizzano progetti energetici in Germania.

La rappresentanza dell’economia tedesca

I rappresentanti del Governo tedesco erano accompagnati anche da una delegazione con rappresentati del mondo economico tedesco. Alla sua guida c’era il presidente della Federazione delle industrie tedesche, Siegfried Russmann, che è anche presidente del Consiglio di vigilanza della Thyssenkrupp di Essen. C’erano inoltre gli amministratori delegati del gruppo Bayer di Leverkusen e del gigante del gas Uniper, con sede a Düsseldorf. Presenti anche le case automobilistiche tedesche Mercedes-Benz e VW, che vogliono acquistare in Canada materie prime come nichel, cobalto, litio e grafite per la produzione di batterie. A tal fine sono state firmate delle lettere di intenti. Come ha sottolineato lo stesso Scholz al suo arrivo a Montreal, il Canada è ricco di risorse minerarie come la Russia. La differenza è che il Canada è una democrazia affidabile.

Ulteriori obiettivi del viaggio in Canada

Scholz ha più volte ribadito come Germania e Canada abbiano valori comuni e una visione simile del mondo. La Germania non ha molti altri Paesi al di fuori dell'UE con cui intrattenere legami così stretti e amichevoli. La dimostrazione di questo stretto legame è un altro obiettivo del viaggio. Scholz ha, per esempio, ringraziato pubblicamente il governo canadese per la consegna di una turbina di servizio per il Nord Stream1, consegna che ha portato critiche interne al Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Lo stesso presidente ucraino Selenskyj aveva denunciato la violazione delle sanzioni contro la Russia.

In volo senza maschera FFP2 ed è polemica

Secondo il governo tedesco, non sarebbe stata violata alcuna regola. Sembra infatti che per i voli con l'aeronautica militare tedesca non ci sia l’obbligo di indossare la maschera. Tutti i partecipanti al viaggio hanno dovuto presentare un test molecolare negativo prima di partire. E questo avrebbe garantito un alto livello di protezione, a quanto ha dichiarato un portavoce del governo all’agenzia di stampa dpa. Le critiche sono state comunque immediate, da Armin Laschet, ex segretario della CDU, a Georg Pazderski, capogruppo parlamentare dei Liberali, fino addirittura alla Lufthansa che su Twitter ricorda che il risultato negativo di un test molecolare non dispensa dall’indossare l’FFP2. Critiche che hanno dato i loro frutti. Proprio di oggi è infatti la notizia che per i voli del Cancelliere Scholz, le maschere FFP2 sono nuovamente obbligatorie a bordo.

Pro e contro dell’idrogeno come fonte di energia

Alcuni esperti di energie rinnovabili non sono convinti di questo accordo col Canada. Con l'aiuto del professor Leonardo Setti dell'Università di Bologna abbiamo guardato da vicino questa nuova risorsa, proprio partendo dall'accordo tedesco-canadese sull'idrogeno.

Auto a idrogeno

Wasserstoffauto beim Tanken

Auto a idrogeno fa rifornimento

Nonostante i dubbi, l'industria crede nel combustibile a idrogeno. Questo mese sono entrati a regime in Bassa Sassonia, 14 treni a idrogeno per il trasporto di persone che vanno a sostituire i treni a diesel. E l'industria automobilstica si sta invece concentrando sullo sviluppo di auto a idrogeno. Ne abbiamo parlato con Jürgen Guldner, direttore del progetto del gruppo BMW che sviluppa la tecnologia di celle combustibili a idrogeno.