Live hören
Jetzt läuft: Le jardin d'Eden von Françoiz Breut

Federalismo e pandemia

Ascolta l'intervista ad Andrea Gatti

COSMO Radio Colonia - Beitrag 20.10.2020 07:10 Min. Verfügbar bis 20.10.2021 COSMO


Download Podcast

Federalismo e pandemia

di Giulio Galoppo e Francesco Marzano

Il confronto tra Bund e Länder sull’andamento della pandemia è continuo, ma fatica a produrre linee comuni, applicabili a livello nazionale. Markus Söder critica, per questo motivo, il sistema federale che in questa crisi mostra forse i suoi limiti. Ne parliamo con Andrea Gatti, dottorando di Diritto pubblico comparato.

Angela Merkel, Markus Söder, Armin Laschet, Jens Spahn

Foto d'archivio: la cancelliera Angela Merkel con Markus Söder, Armin Laschet e Jens Spahn

Rieccheggia, osservando la Repubblica Federale Tedesca in questi giorni, la frase che fu di Federico II di Prussia: “Jeder nach seiner Fasson”, ognuno a suo modo.

La crescita esponenziale dei nuovi contagi in Germania, come nel resto d’Europa, infatti, preoccupa e i Länder tedeschi cercano soluzioni, ma, appunto, “jeder nach seiner Fasson”.

Così Berlino introduce l'obbligo di portare la mascherina anche ai mercati, in certe strade più frequentate e nelle file d'attesa, mentre, ad Hannover è obbligatoria in tutti gli edifici pubblici.

La Sassonia-Anhalt prolungherà il divieto di grandi eventi oltre il primo novembre, mentre in Brandeburgo si applicheranno le massime restrizioni già con la soglia critica dei 35 nuovi contagi settimanali per centomila abitanti.

Coi numeri dei contagi in costante aumento, il caos sembra regnare sovrano sul federalismo tedesco. Un esempio indicativo: il divieto di pernottamento in mancanza di test negativo.

Sono i limiti del sistema federale, come sostiene il governatore della Baviera, Markus Söder?

Andrea Gatti, dottorando di ricerca in Diritto pubblico comparato all’Università di Pisa, non ne è convinto e a Radio Colonia spiega il perché.

Stand: 20.10.2020, 18:45