Fase 2, una grande sfida

Ascolta l'intervista a Nino Cartabellotta

COSMO Radio Colonia - Beitrag 06.05.2020 06:08 Min. Verfügbar bis 06.05.2021 COSMO

Download Podcast

Fase 2, una grande sfida

di Giulio Galoppo e Francesca Montinaro

L’Italia è entrata lo scorso lunedì 4 maggio nella “Fase 2” della pandemia da Coronavirus. Ci si muove in un territorio ancora tutta da esplorare. Non esiste, infatti, un consenso scientifico su come uscire dall’isolamento. Nino Cartabellotta fa il punto della situazione per Radio Colonia.

Pendler in Zeiten des Coronavirus im Cadorna-Bahnhof in Mailand

Si viaggia di nuovo in Italia

Dopo quasi 60 giorni di blocco e totali restrizioni, l’Italia è entrata ora in quella che viene definita la “Fase 2” di questa emergenza Coronavirus. Un inizio atteso e temuto al tempo stesso. Scienziati ed esperti di tutto il mondo sottolineano come si tratti di un percorso sconosciuto e, per questo, definito “prova e sbaglia”.

La “fase 2” è una sfida, poiché non esiste un consenso scientifico su quali modalità vadano applicate. I governi, cioè, dovranno essere pronti a tornare a misure più rigide, qualora dovesse essere necessario.

L’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) chiede enorme attenzione da parte di tutti. Il virus si diffonde velocissimamente, mentre se ne va in modo molto lento.

Secondo Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE, che promuove e realizza attività di formazione e ricerca in ambito sanitario, il successo della “Fase 2” dipende essenzialmente da cinque variabili: attività produttive, libertà individuali, mezzi di trasporto, rischi di specifici sottogruppi di popolazione per età e patologie concomitanti, evoluzione del contagio nelle diverse aree.

A Radio Colonia ci spiega se e come queste variabili siano presenti nelle misure messe in atto dal governo.

Stand: 06.05.2020, 18:40