Live hören
Jetzt läuft: Barking von Ramz

Elezioni politiche 2. Centrodestra e Italia Viva.

COSMO italiano 05.09.2022 19:12 Min. Verfügbar bis 05.09.2023 COSMO Von Luciana Caglioti


Download Podcast

Elezioni politiche 2. Centrodestra e Italia Viva

Stand: 05.09.2022, 18:00 Uhr

a cura di Luciana Caglioti, Agnese Franceschini e Cristiano Cruciani

Il prossimo 25 settembre le cittadine e i cittadini italiani saranno chiamati al voto per eleggere i parlamentari che comporranno le due Camere del Parlamento nella nuova legislatura. Per quanto riguarda i parlamentari da eleggere nella Circoscrizione Estero, il voto si eserciterà per corrispondenza. Nella seconda puntata della nostra miniserie sulle elezioni politiche italiane mettiamo a confronto Laura Garavini (Italia Viva) e Simone Billi (Centrodestra) entrambi candidati alla Camera nella ripartizione Europa. La loro biografie curate da Agnese Franceschini e una serie di domande sulla loro attività politica e sui programmi. In chiusura le informazioni più importanti per il voto all'estero.

I simboli del Centrodestra e di Azione-Italia Viva-Calenda

I simboli del Centrodestra e di Azione-Italia Viva-Calenda

Simone Billi

È nato a Firenze nel 1976. Ha frequentato il lieo scientifico e si è laureto in ingegneria industriale e si è specializzato in diritto industriale europeo a Strasburgo. Dopo aver lavorato per uno studio legale e per una multinazionale a Firenze è stato assunto come manager in una grande azienda internazionale del settore energetico a Zurigo. È sposato e attualmente vive tra Roma, Zurigo e Londra. A 22 anni era già attivo politicamente nel movimento giovanile di Forza Italia, è stato consigliere di circoscrizione a Firenze ed è stato eletto alla camera nel 2018 per la coalizione di Centrodestra come rappresentante della Lega. È presidente del Comitato permanente per gli italiani all’estero e la promozione del sistema paese, che è un organo della commissione affari esteri della Camera. È segretario della delegazione italiana al consiglio d’Europa. Oltre che come ingegnere ha studiato come sommelier professionista alla Associazione svizzera dei Sommelier.

Laura Garavini

Il candidato del Centrodestra Simone Billi e la candidata di Azione-Italia Viva-Calenda, Laura Garavini

Il candidato del Centrodestra Simone Billi e la candidata di Azione-Italia Viva-Calenda, Laura Garavini

È nata nel 1966 a Vignola in provincia di Modena da una famiglia di contadini produttori di ciliegie. Ha studiato scienze politiche all’università di Bologna e ha ottenuto il Master in Management dei progetti comunitari alla LUISS di Roma. Nel 1989 si è trasferita in Germania per lavorare all'Università di Kiel. Dal 1994 ha lavorato per iniziative mirate all'integrazione dei migranti in Germania, dirigendo dal 1996 un progetto del Governo tedesco per giovani italiani a Colonia. Dal 1999 è stata responsabile di Patronato  per la consulenza alle famiglie e ai pensionati italiani a Berlino. Nel 2007 ha fondato l'iniziativa Mafia? Nein danke! insieme a diversi ristoratori berlinesi. Dal 2008 è deputata e poi senatrice eletta nella circoscrizione estero del Partito democratico. Nel 2019 ha aderito al nuovo gruppo parlamentare Italia Viva.

Le nostre domande ai candidati

Innanzitutto vogliamo saper da loro che cosa hanno ottenuto, come deputati o senatori, negli ultimi 4 anni e mezzo per meritarsi di nuovo la fiducia degli elettori.

In secondo luogo ci è sembrato importante conoscere i loro progetti e per quale obiettivo principale vogliono battersi nella prossima legislatura, qualora venissero rieletti.

Dopo la riduzione del numero dei parlamentari, un deputato della Circoscrizione Estero, rappresenterà quasi 700mila connazionali, un senatore addirittura il doppio. In che modo pensano di conciliare la necessità di mantenere un contatto con il territorio e al tempo stesso prendere parte ai lavori parlamentari.

Vogliamo inoltre sapere da chi si presenta come candidato in quale modo pensa di risolvere i due principali problemi che caratterizzano il voto all’estero: la scarsa partecipazione e la  poca trasparenza.

E infine, perché un italiano residente in Europa dovrebbe votare i partiti con cui si candidano? Cosa li contraddistingue sui temi che stanno a cuore a noi expat?

Informazioni sul voto all'estero

Si vota per corrispondenza e ne hanno diritto sia tutti gli italiani iscritti all'AIRE, cioè l'Anagrafe Italiani Residenti Estero, che quelli che, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovino, per un periodo di almeno tre mesi, temporaneamente all'estero. Questi connazionali riceveranno per posta entro l'11 settembre il plico contenente il materiale elettorale e le istruzioni sulle modalità di voto. L'elettore deve poi rispedire le schede elettorali votate per posta, in modo che arrivino all’Ufficio consolare di riferimento entro le ore 16.00 del 22 settembre 2022.