Live hören
Jetzt läuft: Shalom von alyona alyona feat. Olexesh

Al via l'anno elettorale

Malu Dreyer, Spd, Rheinland-Pfalz

Al via l'anno elettorale

di Cristina Giordano e Filippo Proietti

Tanti gli appuntamenti elettorali di quest'anno che si apre con le elezioni regionali in Baden-Württemberg e in Renania-Palatinato. Confermati i due ministripresidenti uscenti, Winfried Kretschmann dei Verdi e Malu Dreyer della Spd. Sconfitta la Cdu nel bel mezzo dello scandalo-mascherine. Due voti che proiettano il paese verso le elezioni politiche di settembre

Il voto in Baden-Württemberg

Verdi ed Spd mantengono e rafforzano il potere dopo la tornata elettorale di ieri (14.03.21) rispettivamente in Baden-Württenberg e Renania-Palatinato. Mentre la Cdu di Angela Merkel e Armin Laschet subisce un duro colpo.

In Baden-Württenberg i Verdi del governatore Winfried Kretschmann, secondo i risultati provvisori, arrivano al 32%. Da dieci anni al governo di Stoccarda e in costante ascesa migliorano di due punti percentuali il risultato del 2016.

Al contrario la CDU crolla e arriva al 24%, perdendo circa tre punti. Per i Grünen di Kretschmann , che continueranno a guidare il Land tra i più ricchi e industrializzati della Germania, sono ora possibili diverse coalizioni: un'alleanza con i cristianodemocratici, oppure con Spd e liberali di Fdp, oppure ancora dar vita persino a un governo con la sola Spd, nonostante abbia toccato il minimo storico raccogliendo l'11% dei consensi.

Calano i consensi nel Baden Württenberg anche per la AfD che arriva al 9% (- meno 4 punti rispetto al 2016).

Il voto in Renania-Palatinato

Qui sono i Socialdemocratici a mantenere il potere, superando il 35% e confermando quindi la governatrice Malu (Marie-Louise) Dreyer. Anche a Magonza la CDU perde 4 punti percentuali rispetto al 2016 scendendo al 27%. E la AfD invece si ferma intorno all'8%, lontana quindi dal 12% delle ultime elezioni.

Con i Verdi che si rafforzano e la Fdp che supera di nuovo la soglia del 5% ora Malu Dreyer può continuare l'esperienza della coalizione con liberali e ambientalisti.

A livello federale il capo dei liberali Christian Lindner coglie nel voto di ieri una bocciatura della gestione della pandemia dell'attuale governo Unione-Spd.

Per i cristianodemocratici, i risultati nel sudovest del paese devono essere presi sul serio in vista delle prossime elezioni di settembre. Secondo il neoleader del partito Armin Laschet, a pesare è stata soprattutto la popolarità di Kretschmann e Dreyer, anche favoriti dalla gestione della pandemia.

La crisi dell'Unione

L'Unione sta attraversando una profonda crisi di fiducia causata dallo scandalo delle mascherine. Due parlamentari sono accusati di essersi intascati alte commissioni per aver fatto da mediatori con aziende produttrici di mascherine. A questo si aggiunge il caso di altri deputati che avrebbero ottenuto finanziamenti poco chiari dall'Azerbaigian.

Sullo sfondo il tramonto dell'era Merkel che non si ricandiderà alla cancelleria, e non è ancora chiaro chi sarà a sostituirla.

Stand: 15.03.2021, 18:35