Live hören
Jetzt läuft: Ossain von Carrot Green & Selvagem

Da dove proviene l'oro d'Italia?

Da dove proviene l'oro d'Italia?

di Cristina Giordano e Francesco Marzano

L'Italia è terza al mondo per quantità di lingotti. Da dove proviene? È tecnicamente possibile venderne una parte? Ne abbiamo parlato con Giulio Sapelli, Storico delle'Economia.

Giuseppe Sala

Ancora una volta le riserve auree tornano al centro del dibattito politico. Ultima occasione una proposta di legge avanzata dal leghista Claudio Borghi. Il presidente della Commissione Bilancio della Camera ha proposto che si faccia chiarezza e nello statuto della Banca d'Italia venga indicato lo Stato italiano come unico proprietario delle riserve d'oro. Una proposta che, ancor prima di essere discussa in parlamento, ha aperto a una polemica.

L'opposizione teme che l'attuale governo possa in qualche modo mettere le mani sull'oro della Banca d'Italia. L'Italia, dopo Stati Uniti e Germania è attualmente il terzo paese al mondo per riserve auree, che ammonterebbero a circa 90 miliardi, detenuti in parte in Italia, e in altre parti del mondo. Ma da dove provengono e quanto è tecnicamente possibile venderne una parte per ripagare parte del debito pubblico italiano? Ne abbiamo parlato con Giulio Sapelli, Storico dell'Economia all'Università Statale di Milano.

Stand: 15.02.2019, 18:29