Live hören
Jetzt läuft: Sexual Healing (Studio Rio Version) von Marvin Gaye with Studio Rio

#IoRestoaCasa: ma chi la casa non ce l’ha ?

Ascolta l'intervista a Francesco Chiavarini

COSMO Radio Colonia - Beitrag 12.03.2020 04:42 Min. Verfügbar bis 12.03.2021 COSMO

Download Podcast

#IoRestoaCasa: ma chi la casa non ce l’ha ?

di Cristina Giordano e Francesco Marzano

Mentre la maggioranza degli italiani si lamenta della quarantena obbligata tra le mura domestiche, i senzatetto oltre, a non avere una casa, non possono nemmeno utilizzare gli spazi pubblici, chiusi dalle ordinanze. Ce ne parla Francesco Chiavarini, portavoce di Caritas Ambrosiana: «Gli ultimi sono i più esposti».

Obdachlose in Rom, Italien

Senza una casa

#IoRestoaCasa è l’hashtag delle campagne social che invitano a non uscire dalle mura domestiche, ed è anche il nome del decreto che estende le misure di sicurezza per contenere la diffusione del Coronavirus a tutta Italia. Ma chi una casa non ce l’ha? In Italia i senzatetto attualmente sono stimati a 50.000 persone. Solo a Milano sono oltre 12.000. Come conseguenza delle misure adottate dal governo, molte mense per i poveri hanno dovuto chiudere o ripensare ai servizi offerti.

La Caritas Ambrosiana, come ci racconta il portavoce Francesco Chiavarini, ha cercato di tenere aperti i servizi essenziali, riorganizzandoli. Al rifugio Caritas, nei pressi della stazione di Milano, è stato introdotto un “filtro sanitario” per il dormitorio: due medici, un’infermiera e dei volontari controllano la temperatura degli ospiti – ad oggi non sono emersi casi di infezione.

La mensa, che offre generalmente 90 posti, è stata invece divisa in gruppi di massimo 25 persone, per permettere di mantenere la distanza di sicurezza di un metro. Ma per i senzatetto aumentano le difficoltà su come trascorrere la giornata, con la chiusura di tutti gli spazi pubblici non possono più trovare rifugio ad esempio nelle biblioteche pubbliche.

La Caritas Ambrosiana, tuttavia è preoccupata dal fatto che gli effetti economici che seguiranno a questa emergeneza colpiranno una più ampia fascia di cittadini: precari, badanti, colf e tutti coloro che perdendo il lavoro non sono coperti da tutele.

Stand: 12.03.2020, 18:25