Live hören
Jetzt läuft: It Makes You Forget (Itgehane) von Peggy Gou

Chiusure e vaccini per fermare il corona

Angela Merkel und Olaf Scholz

Chiusure e vaccini per fermare il corona

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Il 2G diventa la regola per entrare nei negozi non di prima necessità, accelerata sulla campagna vaccinale e obbligo vaccinale in vista: "Io lo voterei", ha sottolineato la cancelliera reggente Angela Merkel dopo l'incontro fra governo e Länder. "Presenteremo una legge", dice Olaf Scholz.

Le nuove regole decise in Germania

L'accesso a negozi ed eventi culturali e di svago sarà consentito solo alle persone vaccinate o guarite dal Covid. Si applica quindi a livello federale la regola delle 2G, geimpft o genesen, vaccinati o guariti dal Covid, per rallentare la diffusione del coronavirus in Germania. Ma attenzione: sono esclusi da questa regola i negozi di prima necessità come i supermercati, le drogherie e le farmacie.

Anche cinema, ristoranti, teatri potranno essere visitati con la regola del 2G, sono ammesse eccezioni fino ai 18 anni.

“In certi casi può essere richiesto anche un test negativo", ha spiegato Angela Merkel: è il 2G plus, che consente l'ingresso quindi a vaccinati e guariti che, in più, abbiano un test negativo.

La stretta su locali, stadi e feste private

Limitato, in generale, l'ingresso in arene e stadi. Per gli eventi al chiuso potrà essere utilizzato solo fino al 50 % della capacità, fino ad un limite massimo di 5.000 spettatori. All'aperto saranno ammesse fino a 15.000 persone, lo spazio potrà essere occupato fino al 50 %. Oltre alla regola 2G con l'opzione del 2G plus sarà obbligatoria la mascherina.

Club e discoteche verranno chiusi al più tardi quando l'incidenza supera le 350 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti nel giro di sette giorni. Superata questa soglia critica, anche le feste private potranno avere un numero massimo di invitati, sempre secondo la regola delle 2G: 50 se al chiuso, 200 se all'aperto.

Nelle scuole torna l'obbligo di mascherina.

Tornano le limitazioni ai contatti

Le riunioni private in spazi pubblici e privati saranno limitate al proprio nucleo familiare e ad un massimo di due persone di un'altro nucleo. Esclusi i minori di 14 anni. 

Divieto di petardi e fuochi d'artificio a Capodanno

Anche quest'anno (2021) sarà vietata la vendita di petardi e fuochi d'artificio a Capodanno in luoghi pubblici a rischio di assembramento. In piazze pubbliche particolarmente affollate potrà venire vietato anche l'uso di fuochi d'artificio e simili. Una misura necessaria per non aggravare la situazione negli ospedali, già critica, dove a Capodanno arrivano di solito persone ferite per l'uso di petardi, fuochi d'artificio ed altro.

E la campagna vaccinale?

Il governo tedesco e i Länder si impegnano a rendere possibili vaccinazioni e booster per tutti entro Natale 2021, per fermare la quarta ondata pandemica. "Questo significa arrivare fino a 30 milioni di vaccinazioni entro la fine dell'anno", ha detto il cancelliere designato Scholz.

La situazione nei reparti di terapia intensiva degli ospedali è critica, specialmente per i pazienti che non sono vaccinati, per questo Scholz ha lanciato un appello alla popolazione a vaccinarsi.

Al cancellierato si insedierà anche un'unità di crisi rafforzata per risolvere problemi logistici nella consegna dei vaccini e la loro distribuzione.

In futuro, medici, farmacisti e personale infermieristico non solo potranno vaccinare, ma anche delegare le vaccinazioni ad esempio ai dentisti.

Validità del pass vaccinale

La cancelliera uscente Angela Merkel ha spiegato che il pass vaccinale - in tedesco Impfpass, equivalente al green pass italiano - non sarà riconosciuto in modo permanente se c'è solo una doppia vaccinazione senza una dose booster. A livello europeo si sta discutendo se lo status di "vaccinato" debba rimanere valido per nove mesi dopo la seconda o dopo la terza vaccinazione.

Differenze tra i Länder

In alcuni Länder alcune di queste misure sono già in vigore, ma in altri, dove i contagi sono meno alti, le decisioni di oggi inaspriscono le norme vigenti, per prevenire l'ulteriore diffusione del coronavirus. Il vertice di oggi ha stabilito per così dire degli "standard minimi" che devono valere su tutto il territorio federale.

La discussione sull'obbligo vaccinale

Il Bundestag dovrebbe decidere prossimamente se introdurre un obbligo vaccinale in Germania. L'obbligo potrebbe venire introdotto a partire da febbraio 2022, dopo che tutte le persone disposte a vaccinarsi ne abbiano avuto la possibilità. Previsto anche un obbligo di vaccinazione per chi lavora nelle cliniche e nelle case di riposo. Merkel ha sottolineato che l'obbligo potrebbe divenire necessario perché le vaccinazioni su base volontaria non sono sufficienti a fermare la circolazione del virus.

Gli ultimi dati sui contagi

Intanto l'incidenza settimanale in Germania è diminuita leggermente per il terzo giorno consecutivo. Il valore è a 439,2 nuovi contagi su 100.000 abitanti negli ultimi sette giorni. Il giorno precedente era a 442,9. Segnalate 73.209 nuove infezioni nelle ultime 24 ore. 388 i decessi.

I numeri stanno lentamente diminuendo anche in alcune aree ad alta incidenza come in Baviera. Ma il motivo per cui i numeri stanno scendendo è anche legato a problemi nella documentazione dei casi. Ute Teichert, presidente dell'associazione federale dei medici del servizio sanitario pubblico, ha affermato che nelle regioni più colpite le autorità sanitarie non riescono a segnalare al Robert Koch Institut i numerosi nuovi contagi registrati quotidianamente. I dati ufficiali non rispecchierebbero quindi più l'effettivo numero di nuovi contagi.

Stand: 02.12.2021, 18:20