Germania: calano contagi ed incidenza

contagi

Germania: calano contagi ed incidenza

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Per la prima volta da ottobre dello scorso anno l'incidenza settimanale su 100.000 abitanti a livello federale è scesa sotto i 50 casi.

Cauto ottimismo dei virologi
Secondo gli scienziati, l'attuale diminuzione delle nuove infezioni è dovuta a diversi fattori: un‘accelerazione della campagna vaccinale, l’aumento delle temperature, test rapidi a scuola, l'immunizzazione di chi è guarito dal Covid, la chiusura delle università e la riduzione delle ore scolastiche in presenza. Secondo gli scienziati, la fine della pandemia non sarebbe ancora in vista. Gli esperti chiedono aperture graduali per evitare una quarta ondata prima dell'autunno, come ha sottolineato il virologo Friedemann Weber dell'Università di Giessen, che tuttavia ha escluso un aumento esponenziale delle infezioni.

Vaccinazioni per bambini e minorenni
Per quanto riguarda le vaccinazioni dei più piccoli, nessuno dei vaccini utilizzati in Germania è stato finora approvato, ma il ministero federale della Salute sta pianificando un'offerta di vaccinazione entro la fine di agosto. La STIKO, la commissione permanente per le vaccinazioni dell'Istituto Robert Koch, tuttavia, è “scettica su una raccomandazione generale per i bambini, perché non ci sarebbero dati sufficienti sugli effetti collaterali”, ha sottolineato Rüdiger von Kries, membro della commissione.
Intanto la ministra federale dell'Istruzione, Anja Karliczek (CDU), ha chiesto ai Länder di pianificare una tabella di marcia per le vaccinazioni dei bambini a partire dai dodici anni. Karliczek auspica una ripresa regolare, in presenza, delle attività scolastiche dopo le vacanze estive.
Il governatore della Baviera, Markus Söder (CSU), ha annunciato la ripresa in presenza nelle scuole del suo Land dopo le vacanze per la Pentecoste - che in Baviera finiscono il 4 giugno – « se l'incidenza sarà sotto i 50 contagi settimanali ogni 100.000 abitanti».

Critiche a Spahn
Il ministro della Sanità, Jens Spahn (CDU), ha affermato che le visite alle famiglie di origine in Turchia e nei Balcani avrebbero portato a un aumento del numero di infezioni da Covid in Germania la scorsa estate. Il primo ministro albanese, Edi Rama, e la comunità turca nella Repubblica federale hanno espresso la propria indignazione per queste affermazioni. «È uno scandalo - ha spiegato Rama - che un ministro tedesco stigmatizzi i Balcani e discriminizzi cittadini di origine straniera».

Aiuti a cultura e spettacolo
Con i numeri delle infezioni in calo, il mondo della cultura in Germania può sperare in maggiori opportunità per realizzare concerti e spettacoli teatrali. Il governo federale, infatti, intende costituire un fondo di aiuti di 2 miliardi e mezzo di euro. « Vogliamo incoraggiare la cultura -ha affermato oggi a Berlino il ministro federale delle Finanze Olaf Scholz, SPD– il settore è stato colpito dalla pandemia più di qualsiasi altro».

Stand: 26.05.2021, 18:26