Live hören
WDRcosmo - Der Sound der Welt

La cultura italo-tedesca si incontra a Düsseldorf

COSMO italiano 07.06.2022 23:42 Min. Verfügbar bis 07.06.2023 COSMO Von Filippo Proietti


Download Podcast

La cultura italo-tedesca si incontra a Düsseldorf

Stand: 07.06.2022, 17:33 Uhr

a cura di Filippo Proietti, Giulio Galoppo e Daniela Nosari

Dopo una pausa forzata imposta dalla pandemia, torna la Borsa Culturale Italo-Tedesca della VDIG. Alla sua sedicesima edizione, la manifestazione ha luogo quest’anno, per la prima volta, a Düsseldorf. Un'ottima occasione per fare il punto sui rapporti italo-tedeschi, al di là dei cliché, con due giornalisti culturali tedeschi, conoscitori del mondo italiano: Henning Klüver e Andreas Rossmann.

Das Düsseldorfer Rathaus

Il Municipio di Düsseldorf ospita la Borsa Culturale Italo-Tedesca

Deutsch-Italienische Kulturbörse

Rita Marcon Grothausmann

La presidente della VDIG, Rita Marcon-Grothausmann

La Borsa Culturale Italo-Tedesca celebra l’amicizia tra la Germania e l’Italia attraverso ricchi scambi culturali. Questa edizione è organizzata da tre associazioni italo-tedesche di Düsseldorf: DIG Düsseldorf, Italia Altrove e l'Associazione Düsseldorf Palermo – coadiuvate dall’associazione delle società culturali italo-tedesche, cioè la Vereinigung der deutsch-italienischen Kulturgesellschaften (VDIG). Il programma è variegato, come conferma Rita Marcon-Grothausmann, sua presidente: musica classica, jazz, teatro, un simposio con discussione, l’assegnazione del “Premio Culturale” al giornalista Henning Klüver. Poi la festa “Tutti in piazza”, aperta al pubblico, che si terrà nella Grabbeplatz, oltre a visite guidate della mostra “Die Grosse” e della città di Düsseldorf.

Si tratta di un'importantissima piattaforma per le società culturali raccolte intorno alla VDIG. Sono queste infatti che promuovono la diffusione della lingua e della cultura italiane nonché l'incontro tra italiani e tedeschi in un contesto europeo.

Das Logo der Deutsch-Italienischen Kulturbörse

Il logo della XVI° edizione della Borsa Culturale Italo-Tedesca

La Borsa Culturale Italo-Tedesca nasce nel 1989 con l’idea di promuovere e realizzare uno scambio tra associazioni culturali dei due Paesi. Marcon-Grothausmann ricorda, sul sito della VDIG, come allora, senza internet, “non fosse semplice organizzare eventi che travalicassero i confini delle rispettive nazioni”, ma proprio per questo ancora più necessario e importante.

Tra gli obiettivi della borsa culturale, spicca il desiderio di voler contribuire alla costruzione dell’Europa attraverso la diffusione della lingua e della cultura italiane qui in Germania e di quelle tedesche in Italia. La presidente del VDIG sottolinea infatti come la lingua sia il veicolo per l’incontro e per la comprensione reciproche. Da allora, la borsa culturale si tiene ogni due anni. L’evento è ospitato, ad anni alterni, in una città italiana e, nell’edizione successiva, in una tedesca. L’edizione del 2018, l’ultima prima della pandemia, si è tenuta a Ravenna.

La sedicesima edizione della Borsa Culturale Italo-Tedesca

La Deutsch-Italienische Kulturbörse sarà inaugurata venerdì 10 giugno alle 18 con un rinfresco al quale parteciperanno le associazioni italiane e tedesche iscrittesi alla borsa culturale. Sabato 11 giugno, a partire dalle 9.30, nel Rathaus di Düsseldorf avrà luogo la cerimonia durante la quale, alla presenza del sindaco della città, Dr. Stephan Keller, e del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, verrà conferito il “Premio Culturale”. L’evento sarà accompagnato da esecuzioni musicali e vi potranno partecipare solo gli iscritti. A partire dalle 15 di sabato pomeriggio, invece, sulla Grabbeplatz, avrà inizio la manifestazione culturale “Tutti in piazza”, aperta a tutti e gratuita, con la presenza di numerose associazioni italo-tedesche che proporranno proprie attività di intrattenimento.

La domenica mattina, i partecipanti alla borsa culturale potranno visitare la mostra “Die Grosse” e la città di Düsseldorf.

Vereinigung der deutsch-italienischen Kulturgesellschaften

VDIG Logo

Il logo della VDIG

La VDIG è stata fondata nel 1953 come organizzazione ombrello di nove società affiliate e tra i suoi fondatori annoverava anche un prigioniero di guerra che era stato internato in Italia e che desiderava dare vita a un’associazione che coltivasse l’amicizia tra le due nazioni. La VDIG oggi comprende circa 50 società culturali regionali italo-tedesche con più di 6.000 membri. Sono tutte organizzazioni senza scopo di lucro che promuovono lo scambio culturale tra l’Italia e la Germania in una prospettiva europeista.

Düsseldorf e Palermo

Palermo e Düsseldorf sono gemellate e coltivano da anni ormai un legame economico e culturale molto solido. Lo scambio tra le due città, è lo stesso Leoluca Orlando a ricordarlo, è vivace e si concretizza nella collaborazione tra le istituzione delle due città, dai teatri lirici, alle accademie di belle arti, dalle università, ai conservatori di musica. Anche per Orlando, il senso ultimo di queste relazioni culturali è il rafforzamento dell’Unione europea attraverso comuni intenti di difesa dei diritti umani tanto nella Mitteleuropa quanto nel Mediterraneo. Orlando consegnerà il "Premio Culturale" insieme al sindaco di Düsseldorf, Stephan Keller.

Il “Premio Culturale”

Il “Premio Culturale” viene assegnato a persone o organizzazioni impegnate nello scambio culturale tra Italia e Germania. Viene riconosciuto, alternatamente, a esponenti italiani e tedeschi ed è costituito da un manufatto artistico realizzato per l'occasione. Quest’anno è realizzato dall’artista palermitana Rossella Palazzolo e verrà consegnato a Henning Klüver.

Henning Klüver

Henning Klüver

Il Premio Culturale va a Henning Klüver

Da anni impegnato ad avvicinare il pubblico tedesco alla realtà italiana, vive a Milano, da dove scrive dell’Italia per giornali tedeschi. Al Bel Paese ha anche dedicato un blog, “Cluverius”, oltre a diversi libri. L'ultimo È “Gebrauchsanweisung für Italien”, edizioni Piper. A COSMO Italiano ci ha raccontato la “sua” Italia, di come sia cambiata negli anni, anche nei rapporti con la Germania.

Andreas Rossmann

Andreas Rossmann

Andreas Rossmann, giornalista culturale

Scrive di cultura italiana per la FAZ, con un’attenzione particolare nel coglierne aspetti nuovi e diversi e uscire da rotte consolidate e dai cliché. Da sempre appassionato dello Stivale, abbiamo voluto sapere da lui cosa sia cambiato nel suo sguardo e nella sua percezione dell’Italia.