Live hören
Jetzt läuft: Video games (Makina Chicha Edit) von Lana Del Rey

La strage dimenticata

Ascolta l'intervista a Domenico Guzzo

COSMO Radio Colonia - Beitrag 25.09.2020 06:19 Min. Verfügbar bis 25.09.2021 COSMO

Download Podcast

La strage dimenticata

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

A 40 anni dall'attentato all'Oktoberfest di Monaco di Baviera ricostruiamo quella stagione nera e di terrore che coinvolse anche Bologna e Parigi. Ne parliamo con Domenico Guzzo, professore di Storia contemporanea alla facoltà di Scienze politiche dell'Università di Bologna.

40 Jahre nach dem Oktoberfest-Attentat

Il 26 settembre 1980 poco dopo le 22 esplode una bomba all'interno di un cassonetto della spazzatura di fornte all'entrata principale della nota festa della birra di Monaco di Baviera. Una strage: 213 feriti e 13 morti tra cui il presunto attentatore, Gundolf Köhler, studente in Geologia. In seguito si saprà che aveva fatto parte del gruppo neonazista "Wehrsportgruppe Hoffmann", sciolto dal governo tedesco proprio nel 1980. Si pensa ad un azione solitaria. Le indagini giudiziarie delle procure tedesche non hanno portato a svolte o a soluzioni definitive. Ma in queste anni sono state avanzate diverso teorie, una di queste collega l'attentato dell'Oktoberfest a quello della stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e a quello della Sinagoga di Parigi del 3 ottobre 1980. È possibile pensare ad un filo conduttore o addirittura ad un unico mandante delle tre stragi? Ne abbiamo parlato con Domenico Guzzo, professore di Storia contemporanea alla facoltà di Scienze politiche dell'Università di Bologna ed esperto di storia del terrorismo. "Senza dubbio questi tre attentati rappresentarono una transizione epocale. È il momento in cui la violenza politica, che in Europa fino a quel momento era stato un fatto nazionale, si sposta verso una dimensione più internazionale", sottolinea Guzzo.

Stand: 25.09.2020, 18:29