Live hören
Jetzt läuft: Mare von Rodrigo Amarante

Coronavirus: ecco gli abusi della polizia

Ascolta l'intervista a Riccardo Noury

COSMO Radio Colonia - Beitrag 29.06.2020 05:57 Min. Verfügbar bis 29.06.2021 COSMO


Download Podcast

Coronavirus: ecco gli abusi della polizia

di Cristina Giordano e Francesca Montinaro

Un rapporto di Amnesty International ha raccolto le segnalazioni di violenze e discriminazioni della polizia durante il lockdown, in Europa. In Italia uso sproporzionato della forza soprattutto nei confronti dei senzadimora. Ce ne parla il portavoce Riccardo Noury.

Polizei

Polizia durante il lockdown

«Sorvegliare la pandemia», si chiama così il rapporto di Amnesty International sui casi di violenza e sulle discriminazioni delle forze dell’ordine in Europa durante il lockdown, introdotto per arginare l’epidemia. Il rapporto ha preso in esame dodici diversi paesi europei, tra cui Francia, Grecia, Spagna e Italia (esclusa invece la Germania). I casi di abusi della polizia si sono verificati spesso durante i controlli di identità, dimostrando misure sproporzionate rispetto al contesto di pericolo.

A Londra, nel Regno Unito si è registrato un aumento del 22% di arresti tra marzo e aprile 2020. In Francia è soprattutto nel distretto di Saint Denis, ai margini di Parigi, zona abitata prevalentemente da neri e nordafricani, che la polizia ha usato maggiormente la forza: secondo Amnesty, qui il numero delle multe per il mancato rispetto delle restrizioni è stato tre volte superiore alla media rispetto al resto del paese.

In Bulgaria è stata imposta la quarantena all’interno di campi rom e sono stati usati droni per rilevare la temperatura dei residenti. In Slovacchia è stato usato l’esercito per bloccare l’uscita della popolazione rom dai campi. In Italia invece gli abusi si sono registrati soprattutto nei confronti dei senzadimora.

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia ai nostri microfoni: «Questo virus è molto furbo, si è insinuato nelle disuguaglianze sociali, laddove c’è povertà e discriminazione. Ne hanno fatto le spese i gruppi più vulnerabili».

Stand: 29.06.2020, 18:15