Live hören
Jetzt läuft: Concrete Stardust von The Mighty Mocambos

Nuove speranze per le vittime di amianto

Ascolta l'intervista a Fulvio Aurora

COSMO Radio Colonia - Beitrag 04.02.2020 05:01 Min. Verfügbar bis 27.01.2021 COSMO


Download Podcast

Nuove speranze per le vittime di amianto

di Giulio Galoppo e Luciana Caglioti

Stephan Schmidheiny torna a processo per la morte di 392 cittadini di Casale Monferrato, di cui 62 ex lavoratori Eternit, vittime dell'amianto. Il processo si sposta in Corte d'Assise a Novara. Ma l'amianto uccide ancora.

Demo vor Turiner Gericht für Ethernit-Prozess

Riprende il rpocesso contro Stephan Schmidheiny (Foto d'archivio 2015)

Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero ultimo proprietario di Eternit, sarà processato per omicidio volontario plurimo di 392 casalesi. La decisione del giudice dell'udienza preliminare Fabrizio Filice ha così accolto le richieste dei pubblici ministeri Gianfranco Colace e Francesco Alvino. Il processo si svolgerà a Novara, in Corte d'Assise. La prima udienza è fissata per il 27 novembre 2020.

Con l'accusa di omicidio volontario, sottolinea ai nostri microfoni Fulvio Aurora, sfuma il rischio della prescrizione, che si sarebbe invece presentato in caso di imputazione per omicidio colposo.

Aurora è direttore responsabile di “Medicina Democratica, movimento di lotta per la salute”. Con il processo Eternit Bis rinasce, così, la speranza per i familiari delle vittime di Casale Monferrato e si apre una nuova pagina nella storia legale delle morti per amianto in Italia.

Stand: 04.02.2020, 18:40