Live hören
Jetzt läuft: Good love 2.0 von Priya Ragu

Il potere degli algoritmi nei social

Ascolta l'intervista a Salvatore Romano

COSMO Radio Colonia - Beitrag 24.09.2020 06:10 Min. Verfügbar bis 24.09.2021 COSMO

Download Podcast

Il potere degli algoritmi nei social

di Vincenzo Savignano e Luciana Caglioti

Quello che vediamo su Facebook, Youtube and co. è filtrato e personalizzato da algoritmi segreti delle compagnie, basati sui dati raccolti dalla nostra attività in rete. Perché è un problema e come difenderci? Ce lo spiega Salvatore Romano di tracking.exposed, a Berlino per la conferenza "Data cities - Smart technologies, tracking and human rights".

Symbolfoto Social media und Data-Tracking

Quanto i social media influenzano la nostra vita?

Salvatore Romano è membro del progetto "Tracking Exposed", che si potrebbe tradurre con "tracciamento svelato". Esperto di informatica e di social media, cerca di spiegarci in parole semplici un tema decisamente complicato. "Il problema di Facebook e di altre piattaforme è che non rendono accessibili gli algoritimi sulla base dei quali selezionano i contenuti che poi vengono presentati a tutti gli utenti".

logo

Il logo della conferenza di Berlino

Questi algoritmi, spiega Romano, determinano i modi e i tempi in cui le informazioni che consumiamo sui social vengono diffuse. Ogni utente vede quindi solo una parte dei contenuti pubblicati dai canali e dalle pagine che segue, e questa scelta limitata e pilotata può influenzare decisioni e preferenze. L'obiettivo finale, aggiunge Romano, "è tenerci incollati il più possibile alle piattaforme", per farci consumare la pubblicità con cui le compagnie si finanziano.

Per questo alcuni esperti come lui stanno studiando questo meccanismo, che è giusto conoscere per poter utilizzare al meglio i social media. Il probema è la mancanza di trasparenza sulla raccolta dati e sugli algoritmi da parte delle ditte, che sono, sì, private, ma gestiscono ormai delle piattaforme su cui moltissime persone si informano e si formano un'opinione, e influenzano quindi la nostra società. Per farlo forniscono degli strumenti agli utenti per rendere trasparente la raccolta dati, e quindi analizzarla.

Nell'ambito della conferenza "Data cities - Smart technologies, tracking and human rights" del Disruption Network Lab, Salvatore Romano terrà un workshop con Leonardo Sanna (entrambi di tracking.exposed) domenica 27 settembre a Berlino dal titolo "Smash your filter bubble!".

La conferenza si può seguire gratuitamente in streaming a partire da venerdì 25 settembre alle 16. Invece i biglietti per seguirla di persona al Kunstquartier Bethanien di Berlino sono esauriti, ma c'è una lista d'attesa. I seminari invece sono riservati a chi partecipa di persona, e ci sono ancora posti per il workshop di Felipe Schmidt Fonseca: "Hacking waste management for the smart city". Trovate tutte le informazioni sul sito del Disruption Network Lab.

Stand: 24.09.2020, 18:05